AGIRE IN BASE ALL’EMOTIVITA’. QUANDO L’EPIDEMIA DELLA PAURA FA PIU’ DANNI DEL CORONAVIRUS A CHI INVESTE

Di fronte alla settimana nera dei mercati finanziari con perdite fino al 10% per alcuni listini, diversi investitori si stanno facendo prendere dal panico. E non è la prima volta. Correzioni dei listini anche di ampia portata ci sono sempre state ricorda Salvatore Gaziano strategist di SoldiExpert SCF sulle pagine de La Verità. “Quello che sta succedendo sui mercati – ricorda Salvatore Gaziano – non è la prima volta che accade e un analista finanziario americano, Edward Yardeni, ha contato solo dal 2009 almeno 66 attacchi di panico ovvero motivi per cui occorreva scappare dal mercato che nel frattempo ha triplicato di valore, ultimo ribasso compreso”.

>>> Bella la Borsa, peccato quando scende… Scarica gratuitamente il libro n.1 di Salvatore Gaziano e non te ne pentirai <<<

 

A furia di sentire notizie negative provenienti dai media, che su questo fronte sono in totale conflitto di interessi perché la paura sta gonfiando il loro fatturato, molti investitori si stanno facendo prendere dal panico e vorrebbero vendere tutto. Una decisione razionale? No secondo SoldiExpert SCF se è presa solo sull’onda emotiva. Oggi come nel passato.

Allora hanno ragione i tanti che dicono di non fare nulla, mantenere le posizioni e aspettare che passi perché il mercato nel lungo periodo sale sempre? E anzi se si hanno soldi da investire mettercene altri sul piatto? Secondo noi è una risposta anche questa di comodo da parte di chi spesso non movimenta mai i portafogli dei propri clienti, guadagna fior di retrocessioni sui prodotti consigliati ai risparmiatori (nel caso imbottisca i clienti di fondi e sicav) e vede come il fumo negli occhi un cliente che va in liquidità. Perché smetterebbe di guadagnare se guadagna sulla retrocessione delle commissioni sui prodotti e strumenti consigliati (la norma in Italia di come funziona la consulenza offerta da banche e reti).

 

La posizione di SoldiExpert SCF, società di consulenza finanziaria indipendente, è che se scattano degli stop su posizioni “tattiche” in portafoglio vadano inviati segnali di vendita ai propri clienti. Secondo noi un portafoglio “robusto” è costruito su una diversificazione non solo degli strumenti in portafoglio ma anche delle strategie. Quindi accanto a una parte più strategica vi è una parte tattica che va movimentata in funzione dei segnali che provengono dai mercati.

E’ importante avere un piano operativo quando si verificano bruschi cambi di scenario che sui mercati non sono un fulmine a ciel sereno perché la volatilità anche forte sempre è esistita e sempre esisterà. Secondo SoldiExpert SCF avere un paino operativo significa costruire portafogli non mono-direzionali ma con una giusta diversificazione (che riguardi anche le strategie di investimento e non solo gli strumenti in portafoglio come abbiamo spiegato nel nostro “processo di investimento”, un documento che abbiamo inviato a tutti i nostri clienti e non è solo “carta”) e un corretto orizzonte temporale.

Certo la Borsa alla lunga sale ma se i risparmiatori si sono già presi il raffreddore dobbiamo proprio farli stare con tutti i piedi a mollo e fargli prendere l’influenza nel frattempo? Per questa ragione nei nostri portafogli più diversificati rispettiamo il nostro processo di investimento che prevede ribilanciamenti almeno mensili e già alcuni stop sono scattati in questi giorni e in queste settimane. Per cui abbiamo alleggerito l’esposizione

I mercati non sbagliano mai – diceva Jesse Livermoore – le opinioni e anche l’apparente buon senso invece molto spesso

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI