Auto elettrica: buona non solo per il clima ma anche per i produttori di pneumatici

I produttori di pneumatici come Michelin e Pirelli elogiano l'auto elettrica. Il nuovo mezzo necessita di pneumatici ad alto valore aggiunto

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Con la diffusione delle auto elettriche i produttori di pneumatici hanno investito molto in R&S per sviluppare pneumatici adatti a questo tipo di mezzo, al fine di preservare l’autonomia della batteria: questo è quanto si legge da un interessante articolo del quotidiano francese Les Echos.

L’utilizzo dell’auto elettrica sta mettendo sotto pressione le case automobilistiche: i veicoli a batteria, più costosi da produrre, rimangono notevolmente meno redditizi dei loro omologhi dotati di motori a combustione.

Per i produttori di pneumatici occidentali, d’altra parte, gli ioni di litio sono un vero vantaggio. “E’ una grande opportunità”, ha insistito il boss della Michelin, Florent Menegaux, presentando il suo piano strategico. “Questo tipo di veicolo richiede pneumatici altamente tecnologici”.

 

Ridurre la resistenza al rotolamento

 

Michelin, Pirelli, Continental e Goodyear dedicano da anni buona parte della loro ricerca e sviluppo alla riduzione della resistenza al rotolamento dei loro pneumatici, legata all’attrito al suolo. Una maggiore resistenza al rotolamento abbassa il consumo di carburante e energia e riduce l’impatto delle auto sull’ambiente. “Già da alcuni anni ne fanno un argomento chiave per aumentare i loro prezzi, perché aiuta direttamente i produttori a migliorare le loro emissioni di CO2 e il consumo dei loro veicoli”, osserva Thomas Besson, analista di Kepler Cheuvreux, in uno studio dedicato.

Tuttavia, per i veicoli elettrici, questo è un problema fondamentale. “Riducendo la resistenza al rotolamento, possiamo guadagnare fino al 10% di autonomia, il che è considerevole”, spiega Eric Vinesse, Direttore R&S di Michelin.

Tuttavia, è complicato, perché le auto a batteria sono più pesanti: secondo Kepler Cheuvreux, la resistenza al rotolamento degli pneumatici rappresenta il 25% del consumo energetico dei veicoli, rispetto al 4-11% per i veicoli a combustione.

 

Pneumatici: nuove caratteristiche

 

Secondo il capo della R&S di Michelin occorrono battistrada diversi e più resistenti all’usura.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB