Tegole in vista per Tesla? Colpa dei crediti di emissione

Lucro cessante per il colosso dell'elettrico quest'anno per la minore vendita di crediti di emissioni. Ecco le società coinvolte

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Il redditizio business del colosso dell’elettrico Tesla non deriva dalla vendita di auto bensì dalla vendita di crediti normativi sulle auto elettriche. Cosa significa? Gli Stati richiedono che entro il 2025 le case automobilistiche vendano auto elettriche oltre una soglia percentuale. Nel caso i produttori non riescano a raggiungere questo obiettivo devono acquistare crediti normativi da un’altra casa automobilistica.

Secondo un interessante articolo del Financial Times Tesla è destinata a perdere centinaia di milioni di dollari quest’anno dopo che la casa automobilistica Stellantis ha abbandonato i piani per acquistare crediti di emissione dal gruppo statunitense.

 

Perché Stellantis ha abbandonato l’accordo?

 

Nel 2019 Fiat Chrysler (FCA) ha stipulato un accordo per unirsi a Tesla per approvare le rigide regole europee sul biossido di carbonio, accettando di pagare la società di Elon Musk per compensare le emissioni della propria produzione.

Ma Stellantis, in seguito alla fusione di Fiat Chrysler e PSA, ha abbandonato l’accordo poiché la combinazione delle due case automobilistiche significa che ora i requisiti saranno rispettati, ha detto l’amministratore delegato Carlos Tavares alla rivista francese Le Point.

Richard Palmer, cfo di Stellantis, ha dichiarato che circa due terzi dei 300 milioni di euro stanziati da FCA per i pagamenti del credito sono andati a Tesla in Europa. Quella somma “è il tipo di vantaggio che probabilmente otterremo non partecipando più all’accordo di pooling con Tesla”, ha detto ad analisti e investitori.

“Chiaramente, uno dei principali vantaggi della fusione per l’azienda è che siamo conformi nell’UE estesa senza alcuna necessità di ricorrere all’uso di crediti o di accordi di pooling”, ha aggiunto.

 

Vendita dei crediti: il core business di Tesla

 

Diverse regioni, tra cui Cina, Stati Uniti ed Europa, consentono alle case automobilistiche di rispettare le norme sulle emissioni acquistando “crediti” da gruppi che vendono veicoli più puliti.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB