Fiat Chrysler Auto (FCA) traina Piazza Affari

La Fiat 500 compie 60 anni (e ricordiamo nell’immagine dell’auto simbolo del boom economico la scomparsa di Paolo Villaggio, estimatore soprattutto della “Bianchina” nei film con Fantozzi) e Piazza Affari sembra voler festeggiare questa ricorrenza col titolo Fiat Chrysler (FCA) che mette a segno una delle performance più significative +6,1%.

I dati delle immatricolazioni sono piaciuti al mercato seppure con un andamento a 2 facce: molto positivo in Europa e negativo negli Stati Uniti. Ma che non ha impedito nella seduta di ieri al titolo FCA di salire grazie ai dati negativi sulle vendute oltreoceano ma migliore delle attese.

A giugno le immatricolazioni di auto in Usa sono, infatti, calate del 2,9% ovvero -2,1% da inizio anno. In giugno le vendite di Fca sono scese del 7% (gli analisti si attendevano una caduta del 10%), mentre il dato semestrale vede le immatricolazioni del gruppo segnare un -6,7%.
Dati che arrivano però dopo che il gruppo Chrysler ha incrementato per 6 anni consecutivi le vendite, diventando il costruttore con il più alto tasso di crescita negli States.

Un rallentamento del settore nel breve è considerato attualmente fisiologico e nonostante il calo complessivo delle immatricolazioni prosegue la crescita di SUV/Trucks e questo dovrebbe avere un effetto positivo sui margini di tutti i produttori auto e per FCA in particolare che si sta riposizionando verso il segmento Suv. E dove il lancio di alcuni modelli come il nuovo Jeep Compass si dovrebbe vedere nelle vendite nei prossimi trimestri.

Ottimo invece l’andamento del mercato europeo e di quello italiano con il settore automobilistico che torna ai livelli pre crisi

Il mercato scommette sempre sulla possibilità che il gruppo FCA come è nelle intenzioni di Sergio Marchionne e John Elkann riesca a unirsi con altri gruppi automobilistici (nel ruolo più di preda che di predatore) per andare a fare parte di quei gruppi mondiali con una produzione annuale di almeno 10 milioni di auto per poter competere in un mercato dove gli investimenti necessari si fanno sempre più alti. E il titolo FCA a Piazza Affari è da mesi in altalena nella gabbia fra i 9 e gli 11 euro spinto al ribasso dalle notizie negative riguardo le possibili sanzioni sul fronte emissioni diesel che potrebbero arrivare dagli Stati Uniti nel caso non si arrivi a una transazione favorevole (cosa che Sergio Marchionne dice che è nel mirino) mentre al rialzo fanno da propellente le basse valutazioni in termini di multipli e la possibile operazioni di fusione (si è anche parlato di un possibile scorporo di Jeep per far emergere il valore) e acquisizione.

Ma nel collegamento settimanale di Salvatore Gaziano, responsabile strategie d’investimento di SoldiExpert SCF con la trasmissione “Caffè Affari” su Class CNBC (canale 507 di Sky) il focus è stato anche sull’andamento dei mercati in questa prima parte dell’anno e sui temi più caldi e di maggiore attualità.

Quali le tendenze più rilevanti sul mercato azionario e obbligazionario? Sul fronte bancario italiano la situazione potrà tornare alla normalità o ci sono altri casi spinosi da affrontare?
I casi di banca Carige e Banca Intermobiliare a Piazza Affari restano ancora caldi.

Di questo si è parlato nel collegamento con Class CNBC nell’Investment Week con Salvatore Gaziano, strategist di SoldiExpert SCF.

Clicca sull’immagine sotto per vedere la trasmissione.

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI