Azioni della Germania e Giappone al top, Italia invece kaputt e non solo in Borsa. E non è un caso.

Salvatore Gaziano, consulente finanziario indipendente di SoldiExpert SCF e responsabile delle strategie d'investimento commenta l'andamento delle Borse tedesca e giapponese e il flop di Piazza Affari.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Nuovi massimi storici ieri per la Borsa tedesca e stamane l’indice giapponese Nikkei segna la chiusura più elevata dall’agosto 1990. Per il mercato azionario tedesco il segno di un’economia pronta a ripartire, come e più di prima, dopo la pandemia e un solco ormai incolmabile con la Borsa italiana. Dai massimi del 2007 Piazza Affari è sotto ancora di circa il -20% mentre il listino tedesco è raddoppiato di valore.

Dietro il rally nei mercati giapponesi ci sono gli investitori stranieri (Warren Buffett compreso) che scommettono su una ripresa dell’economia globale dopo i progressi nella ricerca sui vaccini. Si aspettano un ritorno globale a vantaggio dell’economia giapponese orientata all’esportazione e una spinta decisiva della Suganomics.

L’elezione del nuovo primo ministro Yoshihide Suga nel settembre 2020 potrebbe portare riforme strutturali al settore finanziario e al cambiamento digitale nel paese. E dopo l’accordo sulla Brexit c’è da guardare ora anche al mercato inglese.

 

>>> ATTENZIONE! Fare troppi errori è letale quando si investe. Scopri in questa guida se li stai commettendo anche tu e come porre immediato rimedio <<<

 

Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, società di consulenza finanziaria indipendente, commenta come ogni settimana su Class CNBC i temi della settimana borsistica ed evidenzia come i mercati azionari siano molto più razionali di quello che comunemente si pensa.

La sottoperformance di Piazza Affari è purtroppo figlia di un Paese alla deriva guidata da politici scadenti e facili da condizionare (e di tutte le parti) e senza orizzonti che anche nell’anno della pandemia stanno mostrando il lato peggiore fra favori alle lobby bancarie (si veda per ultimo la norma regala gettito sui Pir) e regalie agli amici e pessima capacità di gestire l’emergenza sanitaria e ora il piano vaccini.

Una verità scomoda che i numeri impietosi economici e finanziari di Piazza Affari e del Pil negli ultimi lustri denunciano senza veli e che i risparmiatori italiani devono valutare attentamente nella propria asset allocation nei pro e contro che ne derivano secondo l’approccio di SoldiExpert SCF.

Guarda sotto il video per approfondire