Uffa, le azioni Juventus + 150%. Che fare quando un titolo sale troppo e si poteva prevedere una simile remuntada?

Questo è il testo integrale dell’articolo pubblicato sulla newsletter di ItForum. 

C’è un titolo che nell’ultimo anno è salito del 150% con un’accelerazione impressionante fatta soprattutto negli ultimi 3 mesi, da febbraio ad aprile. Non sono un grandissimo appassionato di calcio e tantomeno un tifoso juventino ma che le azioni della Juventus F.C. potessero essere un titolo “blockbuster”, ovvero un titolo che poteva consentire di mettere a segno un guadagno straordinario come capita raramente ad alcuni film al botteghino (i cui incassi sono un multiplo del costo di produzione e distribuzione) era qualcosa che era nell’aria a coglierne gli indizi.

E così quando nel mese di settembre 2016 in diversi dei modelli quantitativi e algoritmici (che utilizziamo come SoldiExpert SCF per comporre i nostri portafogli di azioni italiane e europee come di fondi o ETF) è balzato fra le prime posizioni il titolo Juventus, contrariamente al passato questa volta siamo “andati a vedere” come si dice nel linguaggio del poker. E prima di considerare l’acquisto di un’azione di una società calcistica una “follia” abbiamo ragionato se lo era veramente in quel frangente o c’erano le condizioni per giustificarne l’acquisto.

 

Dall’Inghilterra forti acquisti sul titolo Juventus….

Graficamente il titolo Juventus stava comportandosi in effetti bene e aveva una buona forza relativa ovvero capacità di fare meglio del mercato e colpiva anche la volatilità abbastanza contenuta del movimento rialzista (un elemento che nei nostri modelli quantitativi teniamo comunque in considerazione). Il titolo era ben lontano dai massimi (dal dicembre 2001 perdeva l’80%) e a guardarne l’andamento dal 2012 in poi pur senza essere degli specialisti di analisi tecnica e aver solo semplicemente letto un solo libro sull’argomento si poteva ipotizzare che sul titolo o si stesse formando una lunghissima fase di accumulazione (ipotesi ottimistica) oppure che questa società quotata era destinata a finire nel cimitero delle società quotate di cui non gliene frega più niente a nessuno e che non aveva alcun valore intrinseco ovvero le valutazioni di mercato erano totalmente gonfiate (ipotesi pessimistica).

Guardare i bilanci della società poteva essere perciò interessante per valutarne i “fondamentali” e comprendere se la capitalizzazione espressa in quel periodo dalla società Juventus (circa 300 milioni di euro) era sensata o insensata anche in confronto ad altre società calcistiche quotate in Gran Bretagna, Germania o in giro per il mondo. Il cosiddetto esame dei “multipli” e dei “comparables” come si dice nel settore.

E da questo esame la Juventus ne usciva alla grande a vedere i valori raggiunti di capitalizzazione da società calcistiche quotate come per esempio il Manchester United (quotato sul New York Stock Exchange perché l’azionista di maggioranza è yankee): è vero che il fatturato della…

Sì, VOGLIO CONTINUARE A LEGGERE

REGISTRATI GRATIS per poter visualizzare tutti i contenuti e ottenere l'accesso al SoldiExpert Club

* Il nome è un'informazione obbligatoria
* Il cognome è un'informazione obbligatoria
* Il tuo indirizzo email è un'informazione obbligatoria e sarà usato anche come nome utente di accesso al sito, quindi inserisci quello che usi maggiormente
Digita due volte la tua email per evitare errori.
Ti chiediamo il numero di telefono solo per contattarti in caso di problemi.
*Campi obbligatori

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI