Beneficiare o essere colpiti dall’inflazione? L’analisi su 5 settori

Le pressioni inflazionistiche sono una minaccia per i mercati? Ecco i possibili effetti positivi e negativi su cinque diversi settori

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Oggi l’inflazione incombe sui mercati e per molti investitori rappresenta una minaccia di gran lunga maggiore del Covid. Ecco un interessante report sui possibili effetti delle pressioni inflazionistiche a cura di Rebecca Chesworth, strategist di State Street Advisors che riportiamo integralmente.

Mentre si può discutere per quanto tempo e per quanto ancora i prezzi possano salire, gli analisti di SSA si aspettano che i timori relativi all’inflazione persistano almeno nel breve termine, fintanto che i pacchetti di stimolo, i prezzi delle materie prime e le riaperture continueranno a manifestare i loro effetti.

È probabile che l’inflazione sia maggiore negli Stati Uniti, la cui economia sta vivendo una fase di veloce ripresa economica, rispetto alle altre aree del mondo. In questo studio gli esperti analizzano i settori che potranno beneficiare o subire gli effetti del possibile aumento delle pressioni inflazionistiche.

 

L’impatto dell’inflazione sui settori

 

Dato l’impatto dell’inflazione sul potere d’acquisto dei consumatori e delle aziende, diventa rilevante prendere in considerazione la possibilità di trasferire il maggiore costo degli input. Il risultato netto per settore è determinato da una combinazione di fattori, quali l’elasticità della domanda o la disponibilità del prodotto.

L’impatto dei tassi d’interesse più alti è un altro fattore importante da tenere in considerazione, dal momento che, spesso, l’aumento dei tassi va di pari passo con le pressioni inflazionistiche e si traduce in conseguenze non omogenee per i vari settori.

Recentemente abbiamo assistito all’incremento dei rendimenti obbligazionari, ma le principali banche centrali non sembrano aver intenzione di introdurre una stretta monetaria.

Nel complesso, i settori ciclici tendono a sovraperformare durante i periodi di aumento dell’inflazione. Il grafico seguente mostra la sensibilità dei settori alle aspettative inflazionistiche negli ultimi tre anni (un periodo di bassa inflazione).

 

Sensibilità all'inflazione dei diversi settori

 

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB