BTP in forte discesa e spread che rialza la testa. Che cosa succede all’obbligazionario?

Cosa sta succedendo al mercato obbligazionario? Spread al suo massimo in un anno e parole del Presidente della BCE poco credibili sul rialzo dei tassi di interesse. L'intervento di Salvatore Gaziano su Class CNBC

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

L’indicatore chiave del rischio associato alla detenzione di obbligazioni italiane (lo spread BTP/BUND) è salito lunedì al suo massimo in un anno, un aumento alimentato da domande sulla forza del sostegno della Banca centrale europea al debito pubblico più rischioso.

Salvatore Gaziano, strategist e consulente finanziario indipendente di SoldiExpert SCF, spiega su Class CNBC cosa sta succedendo e perché le parole di Christine Lagarde, presidente della banca centrale nella riunione di giovedì scorso, non hanno fatto effetto e vengono considerate poco credibili riguardo la possibilità che i tassi d’interesse non vengano rialzati in Europa nel 2022.

E la pressione è particolarmente intensa sulle obbligazioni emesse dai paesi della “periferia” fortemente indebitata dell’Eurozona.

Il rendimento o lo spread extra richiesto dagli investitori per acquistare debito italiano a 10 anni piuttosto che il suo equivalente tedesco ultra sicuro – a lungo considerato un barometro dei rischi dell’eurozona – è aumentato al livello più alto da ottobre 2020 a 1,37 punti percentuali, da meno di 1 punto percentuale a fine settembre.

 

>>GUARDA IL VIDEO