Cairo o Bonomi? La famiglia Rotelli su RCS dà un colpo al cerchio e uno alla botte

“Comunque vada sarà un successo” si potrebbe dire riguardo la decisione della famiglia Rotelli riguardo la propria partecipazione in RCS Mediagroup. A quale offerta aderire? A quella di Urbano Cairo (risultata poi vincitrice) o a quella concorrente di Mediobanca, Bonomi & C. ? La decisione presa è stata salomonica come nella tradizione. Nell’ultimo giorno per aderire  tramite la holding Armonia che possiede il 3,48% di Rcs la famiglia Rotelli ha deciso di spartire equamente il suo pacchetto azionario fra l’Opas di Cairo e l’Opa di Bonomi.

Un colpo al cerchio e uno alla botte.

Era stato peraltro salomonico anche Giuseppe Rotelli, il re della sanità privata lombarda (proprietario del gruppo ospedaliero San Donato) che alla sua morte nel giugno 2013 aveva lasciato in parti uguali la sua eredità ai 3 figli Paolo, Marco e Giulia compreso il pacchetto di azioni RCS.

Ed era stato proprio Giuseppe Rotelli ad avere avuto l’idea di entrare nel gruppo RCS Mediagroup (rilevando in parte dall’ex Banco Popolare di Lodi un pacchetto di azioni appartenuto a Stefano Ricucci) perché del Corriere della Sera ne aveva una venerazione ed era il suo sogno diventarne uno degli azionisti principali. E negli scorsi anni tale era diventato con una partecipazione che era arrivata al 16,7% di RCS Mediagroup.

“Mi piacerebbe fare l’editore – aveva detto Giuseppe Rotelli – vedo potenzialità enormi in questo settore” quando aveva iniziato ad accumulare posizioni su posizioni su RCS fra il 2006 e il 2012.
Non sapeva forse questo imprenditore che ha lasciato ai suoi figli un impero miliardario basato sul più grande gruppo italiano nella sanità privata quanto gli sarebbe costato questa passione per Via Solferino e conoscere da vicino il salotto buono degli azionisti di RCS Mediagroup e i manager che si sono succeduti alla guida.
Più di 300 milioni di euro bruciati in questa diversificazione. Ora poco meno di 10 milioni di euro dovrebbero tornare a casa in contanti aderendo all’Opa di Mediobanca/Bonomi a 1 euro e incassando la parte cash (0,25) dell’offerta Cairo Communication e resterà come poi un piccolo pacchetto di azioni Cairo Communication in bilancio a ricordo del vecchio investimento.La carta costa.

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI