MOLLO TUTTO (O QUASI) E MI TRASFERISCO IN THAILANDIA. ROBERTO GALLO CASSARINO RACCONTA

Imprenditore di successo nel campo dell’odontoiatria, in cui diventa fra i n.1 in Italia nelle frese per dentisti grazie a un’intuizione, quindici anni fa Roberto Gallo Cassarino decide di mollare baracca e burattini (anche se non completamente) e di trasferirsi con la compagna Nicasia e il figlio adolescente in Thailandia.

A 200 chilometri da Bangkok vuole dedicarsi full time alla passione che coltiva fin da ragazzo, anche per difendersi dai bulli del quartiere: la Muay Thai, la boxe tailandese, lo sport nazionale nel paese del Sorriso.  Anche perché scopre che il proprio figlio, Mathias, sin da ragazzino, si appassiona a questa disciplina.
E nel 2005 in un vero incontro dimostrativo di Muay Thai il piccolo Mathias in vacanza in Thailandia sale per la prima volta sul ring a 12 anni e vince l’incontro proprio contro un ragazzino Thailandese.

Sul lavoro gli affari vanno a gonfie vele ma Roberto Gallo Cassarino sin da ragazzo aveva sognato a un certo punto di ritirarsi e godersi il risultato per dedicarsi alla sua passione: è questo il segnale che forse attendeva.

 

 

Inizia a fare la spola fra l’Italia e la Thailandia fino a quando decide di trasferirsi lì definitivamente mentre il figlio scala tutte le classifiche ed entra nel ranking mondiale della Muay Thai. Mathias Gallo Cassarino è il primo italiano nonché uno dei pochi atleti stranieri (o farang) ad entrare nel ranking dello stadio Lumpinee di Bangkok, il tempio della Muay Thai mondiale. Entrare in questa classifica rappresenta uno dei traguardi più importanti e assai ardui da raggiungere per un thaiboxer partito praticamente dall’altra parte del mondo. Grazie a allenamenti durissimi e molti sacrifici Mathias arriva a raggiungere importanti risultati, tra i quali la conquista nel 2013 del mondiale WPMF vinto a Bangkok e il titolo internazionale WBC Muay Thai.

Roberto Gallo Cassarino fonda nel 2014 il ‘7 Muay Thai Gym’, localizzato a Chaka Pong nella provincia del Rayong, interessante realtà all’interno di un vero camp di Muay Thai dove è possibile allenarsi e al tempo stesso soggiornare come un vacanziero, godendo di una struttura che mette a disposizione diversi tipi di stanze all’interno di un piccolo resort privato con piscina a circa novecento metri da una delle spiagge più belle e tranquille della Thailandia.

Rimpianti?

Non tornerei alla vita di prima. Ho lavorato molto per arrivare al successo e raggiunto il benessere, ho fatto una scelta di vita. Ho impiegato anni per portare la mia azienda al top in Italia e quando ci sono riuscito ho pensato a come volevo vivere la mia seconda vita. E non era in un ufficio, ma vicino al mare e soprattutto al caldo e per non annoiarsi anche ad un ring.

Cassarino ha studiato per mesi e anni procedure e protocolli per rendere l’azienda indipendente e potersi trasferire.  Amante da sempre la Muay Thai, voleva dedicarsi a questa passione avendo più tempo libero. E la patria di questa disciplina è la Thailandia. Per questo vive qui dal 2007.

Dove altri vedono sangue e botte da orbi, quando guardano un combattimento, Gallo Cassarino vede una metafora della vita.

Anche nella vita se prendi botte devi imparare a rialzarti. E riprovarci di nuovo. E nella Muay Thai è lo stesso: sei tu da solo contro il tuo avversario, senza nessuna protezione. Calci, pugni e gomitate al viso, alla pancia, alle gambe. In qualche modo devi imparare ad andare avanti anche quando sei stremato dal dolore perché solo così diventi più forte e puoi aspirare a vincere.

Secondo Cassarino non è molto diverso da quello che succede nella vita, dove il carattere si forma più nelle sconfitte che non nelle vittorie, perché è lì che esce l’uomo. Che è quello che nonostante tutto va avanti e continua a lottare.

In questa intervista a RadioBorsa Roberto Gallo Cassarino racconta la sua vicenda umana e professionale, la sua ascesa imprenditoriale che lo porta a diventar fra i fornitori n.1 in Italia delle frese per dentisti e la sua seconda vita nel Sud Est Asiatico, come talent scout di giovani atleti, con una giornata passata in pantaloncini attorno a un ring e non più in giacca e cravatta. Ma svela anche le difficoltà che ha trovato in Thailandia e le trappole in cui cadono molti connazionali, alla ricerca di un Paradiso che molto spesso li lascia con l’amaro in bocca.

Per tutti coloro che stanno pensando di cambiare vita, in qualsiasi paese straniero, il super ospite di questo episodio di RadioBorsa fornisce preziosi consigli su come testare il trasferimento e come anche adattarsi al cambiamento, soprattutto se si decide di fare un business:

Quello che ho imparato con i dipendenti locali, che hanno una mentalità distante anni luce dalla nostra, è che puoi portarli dove vuoi tu, ma devi adattarti alla strada che vogliono fare loro

Un’altra storia originale di Borsa e di Vita, che puoi guardare qui sotto in formato video o ascoltare grazie al podcast

 

 

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI