Come scegliere la migliore consulenza finanziaria

Scopriamo come funziona e quanto pesa il costo della consulenza finanziaria in Italia e come scegliere la migliore.

Ma quanto mi costi? Quando si parla di consulenza finanziaria più si spende più si guadagna? Come investire bene il tuo patrimonio e con lungimiranza e avere il servizio veramente giusto per te pagando il “giusto”?

Minori costi vogliono dire sempre maggiori guadagni quando si parla di consulenza finanziaria?

Probabilmente quello che sto per dirti ti stupirà, ma le cose non sono così semplici come possono apparire.

 

Costi della consulenza finanziaria: occulti o palesi?

Oggi quando si parla di costo della consulenza finanziaria si parla nella realtà sempre di costi palesi e costi occulti.

Investire i propri risparmi e pagare in modo palese o occulto un costo di gestione o una consulenza finanziaria non è come acquistare un’aspirina.

In Italia vige un sistema fondato ancora soprattutto sulle retrocessioni (in inglese rebates) che sono il sistema fondante su cui si basa il sistema del risparmio gestito tramite banche e promotori finanziari.

Nel sistema “fee only” ovvero “solo parcella” (il tariffario del consulente finanziario indipendente, quello adottato da SCF come SoldiExpert e dai consulenti autonomi) il cliente paga in modo diretto e trasparente per ricevere la consulenza finanziaria.

Nel sistema “fee-based” (quello più comunemente adottato da banche e promotori in Italia) la parcella viene pagata dal cliente tramite le commissioni di retrocessione che vengono pagate dalle società prodotto ai distributori.

Fee-only-vs-fee-based

Entriamo ora nel merito delle modalità in vigore in Italia, confrontandole con quelle adottate ormai da alcuni anni nel Regno Unito.

Ti vengono consigliati dei prodotti o suggerito un portafoglio di fondi? Come risparmiatore puoi pagare delle commissioni di ingresso (alcune realtà ci riescono seppure sempre più banche online non le applicano) e poi delle commissioni di gestione (e incentivo) che vengono caricate direttamente sul fondo e prelevate dalle quote. Una parte consistente di questa commissione di gestione non viene trattenuta dalla società che gestisce il fondo ma girata alla società che lo distribuisce e questa a cascata la rigira alla rete di vendita fino al promotore finanziario che segue il cliente.

La maggior parte delle commissioni su cui si fonda l’industria del risparmio gestito in Italia ha questa origine. Al risparmiatore la cosa sembra neutrale perché “occhio non vede, portafoglio non duole” e pensa di non pagare nulla o quasi; all’industria del risparmio gestito la cosa piace ancora di più perché il risparmiatore medio in questo modo non sa nemmeno esattamente cosa paga (anche se magari è carissimo come capita con molti fondi…

Sì, VOGLIO CONTINUARE A LEGGERE

REGISTRATI GRATIS per poter visualizzare tutti i contenuti e ottenere l'accesso al SoldiExpert Club

* Il nome è un'informazione obbligatoria
* Il cognome è un'informazione obbligatoria
* Il tuo indirizzo email è un'informazione obbligatoria e sarà usato anche come nome utente di accesso al sito, quindi inserisci quello che usi maggiormente
Digita due volte la tua email per evitare errori.
Ti chiediamo il numero di telefono solo per contattarti in caso di problemi.
*Campi obbligatori

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI