CONTI DEPOSITO & DINTORNI: LE OFFERTE E I SALDI ESTIVI PER REMUNERARE LA PROPRIA LIQUIDITA’

Per chi cerca lidi tranquilli per la liquidità di cui dispone, e non si accontenta di quanto (poco) la sua banca remunera le giacenze, o dei classici titoli di Stato e pronti contro termine bancari, le banche online offrono strumenti alternativi per parcheggiare la liquidità e guadagnare fino al 2% netto in un anno. Conti di deposito, liberi e remunerati, pronti contro termine venduti on line, obbligazioni, gli strumenti sono tanti, il rendimento è relativamente ghiotto. Se confrontato con gli impieghi classici della liquidità.E in agosto, le banche on line si sono scatenate per offrire rendimenti netti a 2 cifre. Anche nella finanza arrivano i saldi di fine stagione.

Ecco una panoramica completa di tutte le offerte rilevate ad agosto, valutando non solo i rendimenti offerti ma anche condizioni e sicurezza degli emittenti.


I conti di deposito liberi

Con i conti di deposito liberi, i soldi sono sempre disponibili. Non sono dei veri e propri conti correnti, ma dei salvadanai elettronici che possono essere utilizzati per avere un rendimento superiore a quello offerto dal proprio conto corrente.

Quando sul conto corrente si ha liquidità  in eccesso la si trasferisce sul conto deposito, quando se ne ha bisogno la si preleva dal conto deposito e mediamente in due giorni è nuovamente disponibile per effettuare pagamenti o investimenti. Ma quanto si può guadagnare con un conto di deposito libero? Dallo 0,73% all’1,46% netto.
I rendimenti migliori sono questo mese quelli offerti da Banca Sai che offre sul proprio conto di deposito, DConto, un rendimento netto dell’1,46% netto fino alla fine dell’anno.Ma solo per chi non deve investire più di 50 mila euro perchè chi dispone di capitali maggiori si deve accontentare del tasso BCE (ovvero dello 0,73% netto).

Le alternative a DConto si chiamano Contoconto di Banca Carige, Conto Extra di Sparkasse, Conto Santander di Banca Santander. Tutte queste banche offrono un tasso identico: l’1,46% con alcune restrizioni.Su Contoconto di Banca Carige il tasso è garantito per sei mesi ma solo fino a 50 mila euro di capitale investito. Trascorsi sei mesi o per importi superiori a 50 mila euro il rendimento netto scende allo 0,73%.Conto Extra di Sparkasse offre l’1,46% netto ma per soli due mesi e solo fino a 100 mila euro di capitale investito.  Trascorsi due mesi o per importi superiori a 100 mila euro il rendimento netto offerto dalla banca austriaca scende all’ 1,095%.Minori restrizioni per Conto Santander di Banca Santander: il limite massimo di giacenza è 1.000.000,00 euro. Il tasso dell’1,46% non è però garantito e può essere modificato in qualsiasi momento dalla banca. Interessante anche il rendimento offerto da Banca Ifis con Rendimax: l’1,35% netto. E l’offerta in questo caso vale non solo per i privati ma anche (unico caso in Italia) per le aziende, che possono trovare in questo strumento un veicolo flessibile e redditizio per gestire la liquidità in eccesso.

Il sapore agrodolce della zucca…

Inferiori come rendimento offerto le proposte di Conto Arancio (quello pubblicizzato con la Zucca),  Iwbank con Iwpower Deposito e Che Banca del Gruppo Mediobanca (fino al 31/08/2010): lo 0,73% netto. Tra le tre banche per chi è già cliente di Iwbank, Iwpower deposito è la scelta migliore perché consente di trasferire in tempo reale i soldi dal conto deposito al conto corrente per effettuare pagamenti e investimenti.

Per chi non ha un già un conto aperto con Iwbank meglio Che Banca del Gruppo Mediobanca, il salotto buono della finanza italiana rispetto all’ olandese Ing che  ha tutt’ora (anche dopo ben due salvataggi da parte del governo olandese) una leva finanziaria piuttosto alta. Il che per una banca non è un indice di grande solidità . La leva finanziaria misura quante volte una banca impiega il denaro raccolto dai risparmiatori.

Maggiore è questo indicatore, maggiore è la possibilità  che la banca venga messa fuori gioco da eventuali insolvenze dei propri debitori. Se si è particolarmente prudenti meglio usare la zucca per altri scopi che non per investire i propri sudati risparmi. Anche quando l’offerta arriva a quasi il 2% di rendimento. E’ quanto offre per 12 mesi chi apre Conto Corrente Arancio e sottoscrive l’opzione Arancio +. Arancio+ è l’opzione di Conto Arancio che ti offre un tasso di interesse più elevato se scegli di mantenere depositata una somma a tua scelta per 3, 6 o 12 mesi senza penali in caso di svincolo. Ovvero se si interrompe l’investimento prima della scadenza del vincolo il guadagno è zero.

Una alternativa per ottenere un rendimento comunque positivo anche per pochi mesi è quella offerta da IWPower Rendita, un investimento obbligazionario a tasso variabile indicizzato al tasso BCE (tasso ufficiale della Banca Centrale Europea). Attualmente il tasso BCE è pari al 1,00 % e dal momento che il regime fiscale è del 12,5% il rendimento offerto è dello 0,875%.  La cedola maturata viene accreditata sul conto il primo giorno lavorativo di ogni mese e non è necessaria alcuna operazione di rinnovo. Nel caso si voglia disinvestire, viene restituito l’intero capitale e si perdono solo gli interessi maturati nei giorni successivi all’ultimo accredito.
Guadagnare di più vincolandosi un po’

Per chi può investire la propria liquidità per un periodo più lungo (da 2 a 24 mesi) le offerte delle banche si sprecano. Si va dai conti di deposito vincolati ai pronti contro termine bancari alle obbligazioni della casa. Le offerte delle banche si differenziano non solo per il tasso offerto ma anche per la possibilità di interrompere o meno il vincolo prima della scadenza e per il rendimento di cui si deve accontentare l’investitore in caso di dismissione anticipata.

Tra i parcheggi vincolati, l’offerta più flessibile è quella di Che Banca del Gruppo Mediobanca. Si va dai conti di deposito vincolati (a 3,6 e 12 mesi) e i pronti contro termine (a 2,4 e 8 mesi) offrono rendimenti netti dall’1,10% all’1,825% netto. Si può interrompere il vincolo prima della scadenza: in questo caso il rendimento sarà pari al tasso base (attualmente lo 0,73% netto). Più vincolante anche se più redditizia l’offerta di Banca Ifis con Rendimax: bloccando i soldi per almeno un mese il rendimento netto sale all’1,46% per poi crescere ulteriormente (fino all’1,825%) su scadenze più lunghe.
Molto interessante come rendimento anche l’offerta di Banca Santander: l’1,825% per 12 mesi e il 2,044% per 24 mesi. Unico neo e non da poco: è ammesso un solo versamento iniziale da effettuarsi con bonifico bancario.
Non molto redditizia ma opzione quasi obbligata per i correntisti di Fineco i pronti contro termine della casa che offrono dallo 0,548% (per 3 mesi) allo 0,913% netto (vincolando il capitale per 12 mesi) e non possono essere interrotti prima della scadenza. Più generose le offerte di Banca Sella e Webank ai propri correntisti su diverse scadenze, dall’1,095% al 2,04%. E quelle di Iwbank: dall’1% a un allettante 2% netto per sei mesi con l’opzione Turbo.
Liberi? Sì, ma anche di farsi tosare…


Una apparentemente interessante offerta di remunerazione della liquidità  è quella offerta da Freedom di Banca Mediolanum: il 2% netto. Peccato che: il rendimento sia zero per i primi 15 mila euro e il 2% solo sulla cifra eccedente i 15 mila euro. In poche parole chi deposita 30.000,00 euro otterrà  solo l’1% netto. Molto meglio quindi il conto di deposito classico che remunera il depositante dal primo euro di giacenza. E offre tassi concorrenziali per periodi più lunghi. Rendendo possibile chiudere il conto entro pochi giorni.

A differenza di Mediolanum Freedom. Perchè per ottenere il 2% netto si deve sottoscrivere una polizza Mediolanum che costringe chi apre il conto a dover aspettare almeno tre mesi per chiuderlo. Il rendimento del 2% netto è garantito solo fino al 30/09/2010 poi la compagnia deciderà  per il trimestre successivo che tasso offrire. A guardare le note informative di Freedom, la compagnia in effetti garantisce a priori soltanto il capitale versato. Il resto è appunto deciso trimestre per trimestre. La polizza vita non ha costi solo nei depliant illustrativi.
In realtà  i costi di sono e variano dallo 0 al 50 per cento. Freedom non appare così attraente neppure sotto forma di polizza vita. In simili prodotti finanziari il tasso garantito rimane fisso per la durata del contratto e non cambia ogni tre mesi (com’è per quello di Mediolanum). Mediolanum non riconosce al sottoscrittore del conto e della polizza infatti un tasso minimo di rivalutazione. Ma lo riconosce a sè medesima: in caso di rendimento positivo della gestione del fondo può trattenere ogni tre mesi o il 50% del rendimento stesso o lo 0,50% di tale valore. A titolo di esempio, nel caso in cui il rendimento conseguito dal fondo fosse pari al 4,00%, la trattenuta potrà  arrivare al 2,00%; nel caso il rendimento del fondo fosse pari allo 0,80%, la trattenuta potrà  essere dello 0,50%.
Mediolanum ha raccolto 5,8 miliardi lo scorso anno con conto Freedom. La multa quindi che gli ha comminato l’Antitrust di 200 mila euro per «pratica commerciale scorretta» associata a Freedom non deve avergli pesato molto. La compagnia, grazie a questo prodotto, è balzata ai primi posti nella classifica italiana del ramo vita. Con buona pace dell’Antitrust.
Liquidità in portafoglio: meglio l’investirla o parcheggiarla in attesa di tempi migliori?



Ricordiamo che l’investimento in conti deposito o conti corrente ad alta remunerazione ha senso soprattutto se si vuole far fruttare della liquidità  per esigenze di breve periodo e può rappresentare un’alternativa ad altri parcheggi oggi molto avari di rendimenti come per esempio i Bot o molte obbligazioni a brevissimo termine. E alcuni di questi conti possono competere anche con i fondi monetari visto i costi più bassi.

Ma è scorretto impiegare simili conti a nostro parere come una vera e propria forma di investimento. Questa “miopia” finanziaria nel tempo può costare, infatti, molto cara.
Ed è sicuramente consigliabile (a parità  di profilo) un portafoglio di titoli o fondi obbligazionari o Etf obbligazionari se scelti e gestiti con cura come noi cerchiamo di fare attraverso i servizi di CONSULENZA o un risparmiatore fai da te può attuare mediante una nutrita selezione di titoli obbligazionari con diverse scadenze e meccanismi di indicizzazione.Di seguito la tabella con tutti le principali offerte di conto remunerato a confronto col nostro giudizio.

 

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI