La crescita in Cina ha solide basi? Sembrerebbe di no

Il mondo finanziario punta ancora una volta i riflettori sulla Cina. Ecco i numeri drammatici della dipendenza dal settore immobiliare

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOL Summit 2021

Il mondo finanziario è rivolto da qualche settimana verso la Cina. E in particolare i riflettori sono puntati sul crollo del colosso immobiliare cinese Evergrande. Un articolo del Financial Times e un’interessante ricerca degli economisti Kenneth Rogoff e Yuanchen Yang affrontano il tema della crescita della Cina e di come risenta di questo evento.

La ricerca, come vedremo più avanti, mostra che i grandi numeri sulla crescita in Cina sono stati molto influenzati dal settore immobiliare e, per questo, se è vero che da un lato il Paese in questi anni è cresciuto molto, è anche vero che le basi su cui poggia sono molto precarie. Perciò è lecito chiedersi: la crescita in Cina ha solide basi? Ma analizziamo meglio il tutto.

 

 

Crescita in Cina: quanto dipende dall’immobiliare?

 

Fino ad ora, la Cina sembra aver rimosso che l’immobiliare fosse un problema. Con il suo approccio per combattere il Coronavirus, l’economia cinese è stata in grado di riprendersi bruscamente dalla pandemia, crescendo di oltre l’8% nel 2020 e di oltre il 12% nella prima metà del 2021.

Come altrove, la crescita dei prezzi delle abitazioni è stata forte. Tuttavia, mentre la Cina si sta adattando per affrontare la variante Delta molto più virulenta, la crescita sta rallentando bruscamente.

A medio termine, la Cina deve affrontare una moltitudine di sfide, che vanno dalla demografia estremamente avversa al rallentamento della produttività, per non parlare del degrado ambientale, della scarsità d’acqua e della disuguaglianza. Fino ad ora, il boom immobiliare è stato sostenuto da un ampio boom economico che ora deve affrontare forti venti contrari.

É importante perciò capire quanto la crescita in Cina dipende dall’immobiliare. Sulla rilevanza che Evergrande ha nell’economia cinese si è acceso un forte dibattito: “È un altro caso come Lehman Brothers?” Molti, tra cui l’economista Martin Sandbu, ritengono che il governo cinese abbia tasche abbastanza profonde da salvare chi vuole, e può quindi contenere le più ampie ripercussioni delle perdite immobiliari che stanno dietro a fallimenti come Evergrande. Se lo farà è un’altra domanda.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB