IN FILA PER ENEL, SU FCA GOLDMAN SACHS VEDE DOPPIO

Il gruppo ENEL ha lanciato ieri sera una maxi emissione da 5 miliardi di dollari di bond che sono andati letteralmente a ruba con una richiesta quasi 4 volte superiore. Un segnale positivo per questa società che ha raggiunto in questi giorni i massimi a 6 anni del titolo ed è presente in numerosi nostri portafogli grazie alla buona combinazione di fondamentali solidi e forte momentum.
Il titolo, infatti, da inizio anno è in crescita del +13% e molto buoni e superiori alle attese sono stati i dati trimestrali che hanno confermato la capacità della società di tagliare i costi e diversificare il business confermando gli obiettivi 2017 di un Ebitda (margine operativo lordo) a 15,5 miliardi di euro, un utile netto a 3,6 miliardi e un dividendo minimo a 21 centesimi per azione a fronte di un debito netto a 38 miliardi rispetto ai poco più di 39 miliardi attuali.
Una generazione di cassa spinta soprattutto dal buon andamento delle attività italiane e sudamericane mentre il mercato spagnolo ha mostrato nel primo trimestre qualche criticità (per effetto del caro energia) ma che dovrebbe essere superata nel corso dell’anno ed è della settimana scorsa l’aggiudicazione di 540 MW di capacità eolica nella gara indetta dal Governo spagnolo per circa 2000 MW (gara lanciata per raggiungere gli obiettivi nazionali di rinnovabili del 20% sul consumo energetico al 2020).
Fra le notizie del giorno balza poi la conferma di Goldman Sachs del titolo Fca nella propria Conviction List Buy con prezzo obiettivo a 20,1 euro ovvero più del doppio dei prezzi attuali. Secondo la banca d’affari americana la pressione recente sul titolo dovuta ai timori di potenziali questioni legali legate alle emissioni e di un rallentamento delle vendite di auto in generale negli Usa è esagerata e bisogna “guardare oltre la nube delle emissioni e tener conto del ricco mix” di prodotto negli Usa.
E in coerenza con questa visione le stime di ebit (utile prime delle tasse) di Goldman Sachs per Fiat Chrysler sono di 9,5 miliardi di euro ovvero circa il 30% sopra le stime di consenso che indicano in 7 miliardi di euro la redditività pretasse del gruppo di Marchionne nel 2019. E ricordiamo chela capitalizzazione attuale di FCA è di 14,7 miliardi di euro con un indebitamento netto industriale di circa 5,1 miliardi di euro.
Di questo argomento e delle prospettive di Enel ha parlato Salvatore Gaziano, responsabile strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, durante il consueto collegamento del martedì a Caffè Affari su Class CNBC (canale 507) condotto da Carlo Cerutti.

 

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI