FONDI H20 DAI MEGA GUADAGNI ALLE MEGA PERDITE. TRA I MAGGIORI DISTRIBUTORI BANCHE E RETI ITALIANE. TUTTO MIFID COMPLIANT?

Già da tanti anni fa (vedi per esempio qui) da consulenti finanziari indipendenti mettevamo in guardia anche sui fondi “ritorno assoluto” (oltre che in diverse conferenze e colloqui con risparmiatori) sui rischi di fondi “obbligazionari” (ed è bene metterlo fra “virgolette”) che o sono fondi passivi venduti come attivi e “fritti misti” con storytelling oppure in rari generano performance così ampie rispetto ai benchmark con “tracking error” interessanti ma potenzialmente pericolose.

In particolare in questo vecchio articolo ricordavamo a proposito del H20 Multibonds della società di gestione H2o che:

chi acquista un simile fondo deve ipotizzare che il gestore sia un mago sempre a speculare a leva sui tassi e sulle valute e che non sbagli un colpo e che non si trovi mai in nessuna situazione non prevista e inoltre deve anche ipotizzare che determinati numeri (in termini di performance) li possa generare indipendentemente dalle masse sotto gestione

 

>>> Investire (anche e soprattutto se pensi di farlo in modo "sicuro") senza conoscere le regole del "gioco" può costare carissimo: scarica la Guida Gratuita base scritta dai consulenti indipendenti di SoldiExpert SCF <<<

 

Evidentemente al gestore questa volta la magia non è riuscita. La società ha scritto una lettera ai propri clienti in cui si scusa per le perdite rilevanti causate (-50% e oltre su alcuni fondi azionari, obbligazionari e a ritorno assoluto da inizio anno). Sono 30 gli intermediari italiani che distribuiscono questo fondo di Natixis Asset Management (fonte Il Sole 24 Ore): Azimut, Banca Generali , Bper, Bnl Bnp Paribas, Fineco, IWBank, Mediolanum e Widiba solo per citare le realtà più grandi. E sembrerebbe che molti di questi intermediari non li abbiamo consigliati in dosi omeopatiche.

Il che sarebbe particolarmente grave come spiegavamo in questo articolo dicendo che

Un drawdown storico del 29% dell’ H2o Multibonds sconsiglierebbe come adeguato questo fondo obbligazionario per la maggior parte dei risparmiatori con profilo cauto/prudente a prescindere (oppure da detenere in quote omeopatiche) anche in base ai dettati della Mifid2 a cui tutti gli intermediari banche e consulenti dovrebbero attenersi per come noi intendiamo la normativa

Chissà chi si è attenuto e chi no, pur di vendere il fondo dalle mega performance ai propri clienti facendogli brillare davanti agli occhi i risultati passati. La solita tecnica dello specchietto retrovisore fatta però con un fondo che lo capisce anche un neo-laureato in economia usa tecniche da hedge fund, facendo operazioni sia al rialzo sia al ribasso e con una leva monstre.

 

 

La cosa che colpisce di più, se è vero quanto afferma il giornalista Morya Longo sul Sole 24 Ore dello scorso 11 marzo, è che “alcune reti distributive collocano i fondi H2o con un peso di oltre il 30-40% dell’intero portafoglio del cliente”.

Se così fosse, sarebbe meglio che qualche Authority intervenisse, perché un’esposizione così massiccia su un titolo così rischioso è contraria a qualunque principio di adeguatezza della raccomandazione di investimento rispetto a qualsiasi profilo di rischio del cliente. E ci si chiede come portafogli così concentrati abbiano potuto passare i controlli MIFID. Sempre che tutti li facciano, ça va sans dire

Ecco l’articolo che avevamo scritto l’estate scorsa.

E che ci aveva provocato reazioni anche scomposte di chi ci diceva mentre il fondo poi risaliva che non capivamo nulla di fondi a ritorno assoluto ed eravamo solo “invidiosi” delle performance generate da questo fondo che era l’unico vero fondo attivo distribuito in Italia. Meno male…  Vedere perdere in pochi giorni il valore della quota su un obbligazionario (venduto come tale) di oltre il 50% non è cosa molto bella da augurare a nessuno. E speriamo di essere smentiti anche questa volta e tperchè in tutto questo casino in cui siamo finiti per il mondo del risparmio ci mancava pure questo caso. Ma quello che avevamo scritto non era evidentemente sballato.

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI