Fondi pensione, il vero regalo lo fa il fisco

Sempre che non se ne penta…Sottoscrivere un fondo pensione per pagare meno tasse (risparmiando anche più di 2.000 euro all’anno) ha il suo perché ma occorre valutare tutti gli elementi per decidere. Ecco quali…

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Investire nel futuro solo per pagare oggi meno tasse non è un ragionamento del tutto sensato visto che l’obiettivo primario per molti lavoratori dovrebbe essere quello di pensare prima di tutto a costruirsi una pensione di scorta.

Ma così va il mondo (e l’Italia soprattutto) e in effetti l’attuale normativa sulla previdenza complementare è sicuramente molto attraente da questo punto di vista per chi vuole abbattere l’imponibile. Se non si sono compiuti i 65 anni (maschi) o i 60 (femmine) quanto investito annualmente in maniera volontaria in un fondo pensione aperto (con un limite massimo di 5.164 euro) potrà essere dedotto (ossia sottratto) dal reddito imponibile ai fini del calcolo Irpef.

Prendiamo, ad esempio, un soggetto che abbia un reddito lordo di 55.000 Euro. In base alle aliquote Irpef, senza considerare alcuna deduzione, il conto di imposte da pagare sarebbe di 17.220 euro (il 31,3%). Se si deducono, come la legge consente, i 5.000 euro versati per il fondo pensione l’imposta Irpef andrà perciò calcolata su 50.000 euro e quindi si dovranno pagare 15.320 euro, risparmiando 1900 euro. In altre parole, l’aderente a un fondo pensione, a fronte di un esborso di 5.000 Euro, si è di fatto privato di 3100 Euro dal momento che i rimanenti 1.900 sono stati compensati da un risparmio sull’imposta.

E 5.000 euro è l’accantonamento in risparmio previdenziale, soldi che si dovrebbero ritrovare in futuro magari rivalutati (si spera).
Ma cosa succederà quando si passerà all’incasso? Che fiscalità verrà applicata sulla cifra accantonata? E si potrà poi richiedere il rimborso di tutto il capitale accantonato? Cosa bisogna valutare in maniera più globale per non prendere in considerazione solo un elemento dell’equazione?

Sei interessato ad approfondire questo argomento? clicca qui e abbonati a moneyreport.it : l’inchiesta di copertina di questo mese è dedicata alla previdenza, al vivere di rendita e alle pensioni per fornire tantissime risposte operative e indipendenti alle domande più ricorrenti.