I MERCATI FINANZIARI TORNANO A SALIRE MA ATTENZIONE AI COLPI DI… SINGHIOZZO

I mercati finanziari tornano a salire anche se la crescita a due cifre (quasi del 15%) messa a segno dalla piazza di Milano da inizio dicembre 2010 merita qualche riflessione. Non sta salendo tutto incondizionatamente ma stanno recuperando i settori che erano rimasti più indietro negli ultimi anni, in primis il finanziario, l’industriale, il tecnologico e quello delle costruzioni.

Settori di cui fanno parte titoli per lungo tempo dimenticati dagli operatori e che ora sembrano tornare di moda. E molti operatori e investitori sembrano spostarsi dall’obbligazionario all’azionario guardando al futuro in maniera ottimistica.

Ma attualmente più che di mercati finanziari sembra si stia parlando di un malato di… singhiozzo. Sì, avete capito bene. Il paragone sembra sensato. Tutto va bene e gli acquisti fanno salire le Borse in maniera progressiva, ma attenzione al colpo di singhiozzo che talvolta è rappresentato dal debito pubblico della Spagna, talvolta da quello del Portogallo o della Grecia, negli ultimi giorni è rappresentato da un possibile stretta monetaria in Cina o da dati macroeconomici Usa discordanti. E quando si verifica il colpo di singhiozzo giù a vendere a più non posso ciò che si detiene in portafoglio con le Borse che scivolano del 3-4% in pochissime sedute, come successo più volte in questi ultimi due mesi. Ma poi le cose migliorano e si torna a comprare.Ma la cosa più importante è che difficilmente, tranne casi eccezionali, di singhiozzo si muore. La situazione economica attuale sembra essere sotto controllo e le autorità monetarie sembrano avere ben salde le briglie dopo gli scossoni del biennio 2007-2009. Il malato non è immaginario, per parafrasare una famosa commedia di Molière, e i mercati sembrano scommettere che è in via di guarigione.

Dal punto di vista tecnico siamo prossimi all’incrocio delle due linee di tendenza, l’una ascendente e l’altra discendente, di cui scriviamo in questa rubrica ormai da qualche mese. Avevamo anticipato che tale incrocio si sarebbe verificato alla fine del mese di febbraio a un livello compreso tra i 22.100 e i 22.200 dell’Indice FTSE All Shares.

Bene, dal grafico sottostante si può notare che le quotazioni siano attualmente a ridosso della resistenza e si attestino attorno ai 22.600, un livello superiore rispetto al punto di incrocio ma ancora debole per poter affermare che la linea di tendenza discendente è stata superata.

Nel caso questo si verifichi la strada sarebbe aperta a possibili salite fino a 23.500 prima e 24.500 dopo. Probabile, tuttavia, che il mercato effettui delle sedute di consolidamento attorno ai livelli attuali e poi continui a salire, magari aumentando la volatilità, ma a condizione che si incrementino i volumi che nelle ultimissime sedute già stanno leggermente salendo.

Attenzione, tuttavia, ai soliti colpi di “singhiozzo” che potrebbero far tornare le quotazioni prima a ridosso della linea di tendenza discendente attorno a quota 22mila e poi ancora più in basso con obiettivi 20.800 prima e 19.700 dopo.

Intanto i nostri portafogli che operano sulla Borsa italiana hanno aumentato la loro esposizione sull’azionario a livelli compresi tra il 70 e l’80%, anche se i sistemi di trading utilizzati ancora ovviamente non danno segnali di acquisto sui titoli che attualmente stanno guadagnando di più (come il settore bancario di cui è possibile vedere sotto il grafico dell’ultimo anno con la recente risalita) e che provengono da lunghe e profonde discese dove è ancora presto per parlare di inversione di tendenza. I Portafogli di Fondi ed Etf, invece, rimangono investiti a livelli prossimi al 100% anche se nelle ultime settimane sono stati effettuati degli switch con vendita di aree geografiche come la Turchia, salita moltissimo nel 2009 e nel 2010, e di materie prime come l’oro, anch’esso in tendenza ascendente da molti anni e che attualmente sta attraversando una fase di discesa.

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI