I titoli TOP (AMPLIFON) e FLOP (IGD) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue AMPLIFON (+2,38%) mentre scivola IGD (-11,75%). Questa pazza, pazza Borsa... vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

AMPLIFON

AMPLIFON

Fra i pochi titoli che si salvano dal naufragio settimanale spicca fra le blue chip il rialzo di AMPLIFON, società specializzata nella commercializzazione di apparecchi acustici.
La società ha comunicato di aver avviato il programma di acquisto di azioni proprie (buy back) per un massimo di azioni proprie pari al 10% del capitale sociale. La società ritiene evidentemente che sia un buon affare ricomprarsi le proprie azioni e per il terzo trimestre le attese degli analisti sono di un incremento dei ricavi intorno al 7% e un incremento contenuto della redditività. In Europa si notano segnali di miglioramento e anche in Italia a naso, anzi ad … orecchio, le vendite di apparecchi acustici dovrebbero migliorare.

 

FLOP

IGD

IGD - Immobiliare Grande Distribuzione

Brutta settimana per IGD, Immobiliare Grande Distribuzione , società specializzata nella gestione di immobili per centri commerciali che fa parte del mondo delle Coop.  A pesare negativamente l’avvio dell’aumento di capitale da 200 milioni di euro che servirà a rafforzare la struttura finanziaria ma anche ad acquistare degli immobili per un valore di quasi 100 milioni di euro dai propri stessi azionisti di controllo, Coop Adriatica e Unicoop Tirreno. Al mercato non è piaciuto molto questa operazione con parti correlate che ha fatto dall’annuncio quasi dimezzare le quotazioni. Lasciando con un palmo di naso anche uno degli azionisti eccellenti che era entrato col 5% poco prima dell’annuncio a marzo di quest’anno. Un certo George Soros. Sarà considerato pure uno degli speculatori più temibili oltre che famosi al mondo ma in Italia ha trovato pane per i suoi denti 🙂