I TITOLI TOP (Ansaldo Trasporti) e FLOP (Fondiaria Sai) DELLA SETTIMANA

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue Ansaldo Trasporti (+4,36%) mentre affonda Fondiaria Sai (-19,66%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

Home

Fra i pochi titoli che chiudono la settimana in buon territorio positivo c’è Ansaldo Trasporti. La società si è aggiudicata in settimana una commessa in Australia per 289 milioni di euro dove realizzerà la prima ferrovia al mondo per il trasporto pesante su lunga distanza completamente automatizzata. Gli ultimi trimestri avevano un po’ deluso come andamento delle commesse ma a questo punto il target previsto per il 2012 di un fatturato finale 1,5-1,7 miliardi di euro è meno lontano.  Sperando anche nella Libia dove dalle elezioni il partito moderato è in leggero vantaggio rispetto all’ala islamica. L’azienda ha, infatti, contratti in Africa per un valore di 600 milioni di euro. E si spera che da lì possano arrivare finalmente notizie positive. Capaci di far correre anche il titolo come un treno…

FLOP

Gruppo Fondiaria Sai

Tanto per cambiare crolla anche questa settimana a Piazza Affari il gruppo Fondiaria Sai complice un improvviso stop della Consob  sui prospetti informativi diffusi al pubblico relativo all’ aumento di capitale. Un disco rosso poi levato (l’aumento di capitale partirà infatti dal prossimo lunedì 16 luglio) ma che ha fatto alzare la testa alla speculazione che conoscendo così i termini ha potuto maltrattare pesantemente i titoli come qualche mese fa era accaduto nei giorni precedenti l’aumento di capitale Unicredit. Insomma la fusione fra Fondiaria Sai e Unipol non nasce sotto le migliori “stelle”. O almeno quelle stanno vedendo da tempo i piccoli azionisti Fondiaria Sai e Unipol…