I TITOLI TOP (BANCA GENERALI) e FLOP (BANCO POPOLARE) DELLA SETTIMANA

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue BANCA GENERALI (+4,3%) mentre affonda BANCO POPOLARE (-9,7%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

BANCA GENERALI

Buone notizie per la banca del Leone ovvero Banca Generali che sale a Piazza Affari sull’onda delle positive notizie che sono arrivate dal bilancio 2012. L’utile realizzato è il migliore conseguito fino ad oggi  con una salita del 76% rispetto all’utile del 2011 a quasi 130 milioni di euro.
L’eccellente risultato è da ricondurre in primo luogo al rilevante incremento del margine d’intermediazione salito di quasi il 40% grazie in particolare al contributo del margine di interesse e delle commissioni nette. Sui propri clienti la banca riesce a guadagnare sempre di più e Piazza Affari ha festeggiato. Speriamo che abbiano da festeggiare pure i clienti di Banca Generali, naturalmente!

FLOP

BANCO POPOLARE

Brutto guaio a Verona nell’esaminare i conti consuntivi del bilancio 2012 per Banco Popolare. La perdita prevista è superiore alle aspettative e raggiunge i 330 milioni di euro per colpa soprattutto della partecipata Agos-Ducato. Colpa del credito al consumo e delle rettifiche di valore nette su crediti: chi compra a piccole rate, insomma, paga con molte difficoltà e su Banco Popolare pesa anche l’incremento del costo del credito nel quarto trimestre. I vertici della banca rassicurano comunque la comunità finanziaria: “l’andamento è positivo e la posizione di liquidità resta solida, anche nel peggiore degli scenari” dicono. Ma a Piazza Affari il titolo perde in questa settimana quasi il 10%. I soliti miscredenti degli speculatori.