I titoli TOP (BIALETTI INDUSTRIE) e FLOP (SAIPEM) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue BIALETTI INDUSTRIE (+49,52%) mentre affonda SAIPEM (-3,31%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP
BIALETTI INDUSTRIE

Bialetti-Industrie

Toro scatenato per Bialetti Industrie, la società famosa per la Moka ma che opera a largo raggio non solo nelle macchine per fare il caffè ma anche strumenti da cottura e degli accessori da cucina e nei piccoli elettrodomestici per cottura di alimenti.
A Piazza Affari improvvisamente tutti sembrano volersi strappare di mano le azioni anche se la società a vedere gli ultimi bilanci non è che faccia faville visto il fortissimo debito accumulato e la bassa redditività. Ma al mercato piacciono forse le novità presentate all’ultima fiera del settore come la nuova Mokona, un best seller tra le macchine elettriche per espresso che viene proposta in versione Matt e trasparente e la Mokissima militare “con i colori dell’Urban Camouflage molto di tendenza nella moda e anche nel design di interni”. Anche la Bialetti punta sul design oltre che sul caffè in cialda e il titolo va su a 2 cifre. Un rialzo veramente espresso!

FLOP
SAIPEM

Mai una notizia buona per Saipem, la società di estrazione petrolifera del gruppo Eni. La società ha comunicato i risultati 2013 che hanno confermato il momento difficile con la decisione di non distribuire alcun dividendo 2014 relativamente all’esercizio 2013.
Il risultato netto è stato pari a -404 milioni di euro mentre l’indebitamento netto è stato pari a a 4.707 milioni di euro, con un incremento di 429 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2012. Il 2014 sarà per l’amministratore delegato Umberto Vergine ancora un anno di transizione ma la società dice di vedere una luce in fondo al tunnel. E se lo dice lui: basta la parola! Come recitava la pubblicità di una volta.