I titoli TOP (BUZZI UNICEM) e FLOP (COFIDE) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue BUZZI UNICEM (+5,5%) mentre affonda COFIDE (-6,57%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP
BUZZI UNICEM


Settimana positiva e in controtendenza per BUZZI UNICEM. Il gruppo cementiero di Casale Monferrato viene premiato dal mercato grazie ai report positivi sul titolo che sottolineano la buona generazione di cassa. Di recente Buzzi Unicem ha annunciato un piano di investimenti per l’espansione della produzione statunitense nel Texas dove la cementeria raddoppierà la propria capacità produttiva da 600 mila e 1,2 milioni di tonnellate l’anno creando più di 200 posti nel cantiere per 2/3 anni per venire incontro alla crescente domanda di cemento per la costruzione e le industrie attive nel campo del petrolio e del gas naturale. E il titolo immediatamente dopo l’annuncio già sconta il nuovo scenario, salendo in Borsa. Quando si dice cemento a presa rapida…

FLOP
COFIDE

Settimana negativa per i titoli del del gruppo De Benedetti e soprattutto sulle holding di controllo Cofide. A pesare oltre il momento di consolidamento per Piazza Affari la situazione finanziaria critica per la controllata non quotata Sorgenia, afflitta da debiti per ben 1,8 miliardi di euro per i quali erano state chieste dilazioni e ristrutturazioni alle banche. C’è polemica anche in questi giorni in merito proprio ad una presunta attività di lobbying denunciata dal Movimento 5 Stelle proprio da parte di Sorgenia che starebbe cercando di ottenere consistenti fondi pubblici da governo e Parlamento per le proprie centrali a gas. Intanto il gruppo De Benedetti per non sbagliare dopo che ha ottenuto 494 milioni da Fininvest come risarcimento per la vicenda Mondadori ha avanzato nei confronti della Fininvest di Berlusconi un’ulteriore richiesta danni “morali” per altri 30 milioni di euro. Meno male che Silvio c’è….per l’ingegner Carletto!