I titoli TOP (CENTRALE DEL LATTE DI TORINO) e FLOP (DANIELI) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue CENTRALE DEL LATTE DI TORINO (+25,21%) mentre scivola DANIELI (-4,31%). Questa pazza, pazza Borsa... vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

CENTRALE DEL LATTE DI TORINO

Risultati immagini per centrale del latte di torino

“Bevete più latte, il latte fa bene…” recitava una vecchia pubblicità. Che è tornata d’attualità a Piazza Affari col risiko nel mondo del latte che ha visto questa settimana protagonista a Piazza Affari la società quotata della Centrale del Latte di Torino. Che ha annunciato l’intenzione di acquisire l’omologa toscana, Mukki Latte, per dare vita alla “Centrale del Latte d’Italia”.

Un’aggregazione in pratica fra la Centrale del Latte di Torino e la Centrale di Firenze Pistoia e Livorno che creerebbe una nuova società con 5 stabilimenti produttivi situati in Piemonte, Toscana, Liguria e Veneto, un fatturato consolidato di circa 200 milioni di euro diventando il terzo polo lattiero-caseario italiano.

A Piazza Affari l’ipotesi è piaciuta e il titolo Centrale del Latte di Torino è letteralmente volato. Per gli speculatori, evidentemente, questa fusione potrebbe non essere una vaccata…

FLOP

DANIELI 

Risultati immagini per logo danieli

Settimana negativa a Piazza Affari per il gruppo Danieli complice il rinvio a giudizio di 7 manager della società di Udine specializzata nel settore siderurgico nella produzione di impianti e acciai speciali.

L’accusa è di esterovestizione delle società lussemburghesi nonché  altre operazioni di natura finanziaria che avrebbero consentito alla società Danieli di evadere le tasse in Italia per una frode calcolata complessivamente in circa 281 milioni di euro e un’imposta evasa pari a qualcosa come 80 milioni di euro. L’azienda di Buttrio ritiene totalmente infondate queste accuse. Insomma, quello che sostiene la Procura di Udine non è da prendere come oro colato. Anzi acciaio colato…