I titoli TOP (CLASS EDITORI) e FLOP (CARIGE) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue CLASS EDITORI (+32,44%) mentre scivola CARIGE (-3,83%). Questa pazza, pazza Borsa... vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP
CLASS EDITORI

CLASS EDITORI

Balza in cima a Piazza Affari questa settimana il gruppo Class Editori che festeggia l’accordo con la cinese Century Fortunet per la piattaforma e-commerce CcigMall di cui il gruppo milanese si occuperà della selezione dei prodotti italiani e della raccolta pubblicitaria  Una piattaforma che prevede di favorire il commercio elettronico tra i dettaglianti cinesi, permettendo loro l’accesso a oltre mille tipologie di prodotti scelti tra 8 Paesi europei e americani, tra cui l’Italia, primo Paese estero scelto sia per il settore food sia per il fashion, shoes & luxury goods and design

Un accordo annunciato in occasione della visita del premier italiano Matteo Renzi in Cina in cui il vice presidente e amministratore delegato di Class Editori, Paolo Panerai, ha presentato e consegnato un libro, “Il Nuovo Milione”, ricordando la sua prima missione in Cina, organizzata dall’allora ministro del commercio ed ex-direttore della Banca d’Italia, Rinaldo Ossola per un’apertura di credito dell’equivalente oggi di 1,5 miliardi di euro. La Cina è di nuovo vicina. Speriamo.

 

FLOP
CARIGE

BANCA CARIGE

Settimana calante per il gruppo bancario Carige che vedrà prossima settimana partire un aumento di capitale abbastanza pesante molto diluitivo stile MPS e grande confusione per i piccoli risparmiatori che se non sottoscriveranno l’aumento rischiano di veder ridotto a carta straccia il loro investimento. Nessuna novità di rilievo intanto dall’inchiesta giudiziaria che vede agli arresti domiciliari l’ex numero uno di Banca Carige Giovanni Berneschi accusato di associazione a delinquere, truffa e riciclaggio.

“Se parlo io, sai quanti finiscono in manette? Il palazzo deve tremare” sono state le sue ultime dichiarazioni dopo che il figlio Alberto Berneschi in un’intercettazione in carcere durante un colloquio con la moglie aveva detto riferendosi al padre: “Il problema è tu lo vedi di ‘sto cretino qua che questi soldi che sicuramente ha rubato… perché ha rubato… no, non sono 2 milioni di euro… se fossero stati 2 milioni di euro nessuno diceva niente… ma ‘sto qua è un folle, è un pazzo questo…”.
E’ proprio vero. Non esiste più in Italia la famiglia tradizionale.