I titoli TOP (COBRA Automotive) e FLOP (BANCA POPOLARE ETRURIA E LAZIO) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue COBRA Automotive (+49,54%) mentre scivola BANCA POPOLARE ETRURIA E LAZIO (-11,92%). Questa pazza, pazza Borsa... vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

COBRA Automotive

COBRA

Decolla a Piazza Affari la società Cobra Automotive dopo l’annuncio che l’operatore telefonico Vodafone lancerà nelle prossime settimane un’offerta d’acquisto da 145 milioni di euro per l’azienda italiana, per 1,49 euro per azione. E così un titolo abbastanza negletto nel nostro listino come Cobra cambia proprietà per dare vita a un nuovo provider globale per i servizi telematici per le auto in mezzo mondo. Secondo gli esperti con questa mossa gli inglesi anticipano il futuro passando dalle telecomunicazioni all’jndustria automobilistica poiché nei prossimi anni saranno le macchine, più delle persone, che si parleranno tra di loro. Se ci arriverà una bolletta salata ora non potremo più prendercela con i nostri parenti o figli o personale. E’ la tecnologia, bellezza.

FLOP

BANCA POPOLARE ETRURIA E LAZIO

BANCA POP. DELL'ETRURIA E DEL LAZIO

Dove c’era una volta l’epicentro della civiltà etrusca c’è oggi il quartier generale della Banca Popolare Etruria ma la gloria anche a Piazza Affari sembra solo appartenere al passato. Anche questa settimana, infatti, il titolo di questa banca svetta fra i peggiori, complice il ritiro di Banca Popolare di Vicenza dal ruolo di Cavaliere Bianco. Dopo aver avviato trattative in esclusiva e averci messo gli occhi dentro l’istituto vicentino ha preferito cedere la mano, rinunciando a qualsiasi processo di aggregazione e/o integrazione. E riparte ora da parte degli aretini la ricerca di un altro partner dotato che si pigli la banca: più che il gioco dell’Oca è diventato il gioco dell’Opa.