I titoli TOP (ERG) e FLOP (SARAS) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue ERG (+5,93%) mentre affonda SARAS (-8,19%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP
ERG

ERG

Buone nuove per la famiglia Garrone proprietaria del gruppo ERG operante nel settore dell’energia. Il bilancio 2013 si è chiuso con un risultato netto di gruppo a valori correnti di 38 milioni di euro, in crescita rispetto ai 12 milioni del 2012. La società ha visto la redditività fortemente salire e verrà proposto un dividendo straordinario portando la cedola a 1 euro per azione, quasi il 10% del valore del titolo. Che è esploso a Piazza Affari, festeggiando nel giorno dell’annuncio il maxi-dividendo con volumi scambiati oltre 10 volte la media giornaliera mensile mentre il titolo della concorrente Saras della famiglia Moratti affondava. Sampdoria batte questa settimana Inter +6% a -8%.

FLOP
SARAS

Saras Home

Se i Garrone ridono, i Moratti piangono seppure con un occhio. Fase negativa, infatti, per Saras a Piazza Affari. Il gruppo della famiglia Moratti, operante nel settore della raffinazione petrolifera, ha nel 2013 triplicato le perdite anche per effetto del marcato peggioramento dei margini di raffinazione e il recepimento della nuova metodologia di calcolo delle tariffe per la vendita di energia elettrica. Le speranze del gruppo sono legate nel 2014 alla ripresa della congiuntura e alla risalita dei margini di raffinazione ma intanto la società dei Moratti ha ceduto quote del gruppo Saras ai russi di Rosneft dopo che Massimo Moratti aveva ceduto personalmente il 70% dell’Inter al magnate indonesiano Thohir. E’ tempo di saldi e vendite insomma. Meglio fare il pieno di cash piuttosto che di benzina di questi tempi…