I titoli TOP (FIAT) e FLOP (ENEL) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue FIAT (+6,25%) mentre affonda ENEL (-4,25%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

 

TOP

fiat

Settimana sugli scudi per Fiat grazie alle buone notizie che sono arrivate da più fronti. Sul fronte americano continua l’avanzata in Chrysler dove è arrivata a detenere il 68,5% del capitale di una società che si sta dimostrando una gallina dalle uova d’oro. Grande successo poi per il collocamento del bond con scadenza 2019 che ha raccolto richieste per oltre 3 volte l’offerta mentre perfino la vendita di Loro Piana ai francesi di LVHM è stata considerata una notizia molto positiva da alcuni analisti perché se si fanno quattro calcoli solo sulla partecipazione in Ferrari di Fiat si scoprirebbe che, con i multipli che girano per le aziende del lusso, altro che cavallino… qui sotto il cofano del Lingotto c’è un vero stallone 🙂

FLOP

 

ENEL

Una cattiva notizia dietro l’altra per ENEL questa settimana.  Il collocamento di un prestito obbligazionario a lunghissima scadenza è stato rinviato a causa delle avverse condizioni di mercato complice anche il declassamento del rating del debito sovrano dell’Italia da parte di S&P che ha colpito anche le società controllate dal Tesoro. E come se non bastasse cattive notizie sono arrivate dalla Spagna dove il governo dovrebbe approvare l’attesa riforma del settore energetico, che avrà pesanti conseguenze sulle società del comparto fra cui la stessa Enel presente anche nella penisola iberica. E si parla così di una revisione della politica dei dividendi del gruppo. Da inizio anno il titolo perde oltre il 20% e si sta avvicinando ai minimi di sempre. Ma non c’era qualcuno che raccontava fino a qualche tempo fa che investire sull’energia rappresentava un investimento difensivo?