I TITOLI TOP (IMPREGILO) e FLOP (SEAT PAGINE GIALLE) DELLA SETTIMANA

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue IMPREGILO (+3,39%) mentre affonda SEAT PAGINE GIALLE (-35%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

Impregilo

Gente che va, gente che viene. Anzi società quotate che si accingono a lasciare Piazza Affari come potrebbe essere il caso di Impregilo. Per la società di costruzioni è arrivato questa settimana l’annuncio di un lancio di un’Opa da parte dell’azionista di maggioranza, il gruppo Salini.
Dopo una lunga battaglia con la famiglia Gavio la partita sembra chiudersi per il più importante general contractor italiano. E così dopo duri scambi di accuse a colpi di carte bollate e ricorsi alla magistratura, con esposti alla Consob e al Tar arriva la pax romana. E la famiglia Gavio (azionisti del gruppo Autostrade Torino-Milano) sembra disposta questa volta a consegnare le proprie azioni e togliersi dalla partita. I soldi aggiustano tante cose.

FLOP

Finisce a schifio come dicono a Palermo la parabola di Seat Pagine Gialle, la reginetta della New Economy e il titolo preferito dai gestori nel 2000 che questa settimana annuncia di non essere in grado di pagare la cedola di un bond e di richiedere il concordato preventivo. Della serie “bambole non c’è una lira”. Il titolo è crollato in Borsa ed è arrivato a valere una decina di milioni di euro quando nel 2000 era arrivato a quota 25 miliardi. E pensare che questa società veniva considerata dagli esperti una società “cash cow” ovvero un’azienda capace di produrre flussi costanti di liquidità. Come una mucca.  E con un business che sembrava inattaccabile. Invece complice la concorrenza di Internet ma anche di una serie di azionisti e manager che in questi anni l’hanno spolpata è accaduto che a forza di tirare fuori il latte … la mucca è schiattata.