I titoli TOP (INDESIT COMPANY) e FLOP (BANCA POPOLARE DI MILANO) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue INDESIT COMPANY (+11,93%) mentre affonda BANCA POPOLARE DI MILANO(-5,38%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

 

TOP
INDESIT COMPANY

INDESIT COMPANY

 

I dissidi all’interno della famiglia Merloni erano noti da tempi e l’annuncio di Fineldo, la holding della famiglia Merloni che detiene il 51% della INDESIT di aver incaricato una banca d’affari di sondare il mercato per un eventuale progetto di aggregazione con un altro produttore di elettrodomestici hanno messo le ali al titolo. La società da tempo soffre l’andamento del mercato e ha avviato un drastico piano di ristrutturazione a fronte di vendite in discesa. Insomma gli elettrodomestici italiani più famosi si apprestano a cambiare casacca e vestire quella straniera. Turca, cinese, americana o svedese. Dopo la fuga dei cervelli anche quella delle cucine, dei frighi e delle lavatrici. Siamo al risciacquo finale?

 

FLOP
BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO

Settimana negativa per Banca Popolare di Milano dove le contese nell’azionariato e ai piani alti della banca sono ogni settimana all’ordine del giorno con i soci-dipendenti e i loro familiari che non vogliono perdere il controllo della Banca Popolare di Milano. Questa volta la bufera è scoppiata dopo che il Consiglio di sorveglianza ha ordinato al Consiglio di gestione di convocare al più presto l’assemblea in modo da procedere alla nomina del nuovo Consiglio di sorveglianza che a sua volta rinnoverà il Consiglio di gestione. Ci avete capito qualcosa? Non vi preoccupate: non siete i soli. E infatti dopo l’uscita del Ceo Piero Montani Standard & Poor’s ha tagliato il rating sul merito di credito di BPM che scende ulteriormente a livello spazzatura a ‘BB-‘ mentre Société Générale ha portato la raccomandazione a sell da hold. Ma le sorprese a Milano non sono finite e gli stranieri non possono capire il nostro livello di complicazione