I titoli TOP (L’ESPRESSO) e FLOP (MPS) della settimana

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue L'ESPRESSO (+14,94) mentre affonda MONTE DEI PASCHI DI SIENA (-5.09%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere (se è possibile) anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

 

TOP

L’ESPRESSO

 

E venne il tempo degli editoriali a Piazza Affari. Complici le dichiarazioni del direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, che parla di un settembre “iniziato bene anche sul versante pubblicitario”, per il quale vede “segnali di ripresa” i titoli del settore questa settimana sono balzati in Borsa. Fra questi spicca il rialzo del gruppo editoriale legato a Carlo De Benedetti che ha visto mettere il turbo complici anche un report di Mediobanca Securities che giudica l’Espresso fra i titoli più economici tra i media europei ed esposto al mercato spagnolo dove il mood degli investitori sembra cambiato in meglio. E in una sola seduta il gruppo editoriale è salito di oltre il 10%. Un vero rialzo Espresso…

 

FLOP

MONTE DEI PASCHI DI SIENA

Arriva in settimana l’accordo politico fra Roma-Bruxelles per il salvataggio del Monte dei Paschi di Siena ma sullo sfondo si allarga lo spettro della nazionalizzazione e il titolo della banca senese ne risente mostrando fra le peggiori performance di Piazza Affari.

Fra le condizioni del disco verde per l’ok ai Monti Bond di euro la necessità di un aumento di capitale non di 1 miliardo di euro come deliberato dalla banca ma sensibilmente superiore. Da tempo il numero 1 di MPS sta cercando un socio straniero ma la ricerca si sta mostrando difficile- Ad aprire il portafoglio saranno probabilmente chiamati di nuovo i piccoli soci del MPS (si parla ora di un aumento di capitale di 2,5 miliardi di euro) e se questi non rispondessero all’appello e non si trovasse il Cavaliere Bianco (o Rosso) allora si procederà con ”la conversione” in azioni della banca degli aiuti di Stato, ovvero dei 4 miliardi e passa di Monti bond. In altre parole con la nazionalizzazione del Montepaschi. A quel punto tutti (e non solo Fassino) potremo dire: “abbiamo una banca”.