I TITOLI TOP (POLTRONA FRAU) e FLOP (LANDI RENZO) DELLA SETTIMANA

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Si distingue POLTRONA FRAU (+8,06%) mentre affonda LANDI RENZO (-6,25%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

POLTRONA FRAU

Settimana positiva per Poltrona Frau, società specializzata nel settore dell’arredamento. A far salire il titolo il buon andamento del trimestre con un incremento delle vendite e della redditività. Nonostante l’andamento economico poco esaltante del mercato italiano la società cresce e punta forte sull’estero. E sono previsti oltre 15 nuovi show room nel 2013 principalmente in Asia e in America e una nuova organizzazione commerciale per India e Cina dove è previsto il raddoppio della presenza in Cina nel 2013 arrivando a coprire 12 città. I manager di Poltrona Frau insomma finalmente sembrano non vogliono prendersela …comoda. E Piazza Affari premia il titolo.

FLOP

LANDI RENZO

Non è molto conosciuta ma Landi Renzo è leader mondiale, con una quota internazionale di mercato che supera il 30%, nel settore dei componenti e dei sistemi di alimentazione alternativi a Gpl e Metano per autotrazione.  Negli scorsi anni complice una coscienza ecologica più “verde” e attenta ai consumi petroliferi e soprattutto la politica degli incentivi pubblici per gli automobilisti che acquistavano motori con questo tipo di trazione (a metano o a gpl) aveva determinato il balzo del fatturato per questo tipo di società. Ma il “magic moment” sembra un ricordo del passato e il primo trimestre 2013 la società Landi Renzo ha mostrato una discesa del 10,9% del fatturato rispetto ai primi tre mesi dell’esercizio precedente.  E la redditività è crollata. E Piazza Affari ha accolto questi dati economici con una marcia indietro del titolo. Il metano non dà una mano.