I TITOLI TOP (RCS MEDIAGROUP) & FLOP (RDB) DELLA SETTIMANA

Ecco i titoli che si sono distinti nell'ultima settimana al rialzo e al ribasso. Rimbalza vigorosamente RCS MEDIAGROUP (+19%) e affonda RDB (-24%). Questa pazza, pazza Borsa vista con una punta (naturalmente di matita) d'ironia. Per cercare di sorridere anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Settimana in gran spolvero (e finalmente) per RCS Mediagroup società editrice del Corriere della Sera. L’azione è salita di oltre il 19% in attesa del comitato esecutivo ma soprattutto sulla scorta di voci che vogliono nuovi possibili rivolgimenti sul fronte del controllo azionario che vedono nel solito Diego Della Valle, il possibile fuochista. L’uomo Tod’s già siede nel patto parasociale con il 5% mentre ne possiede poi un ulteriore quota del 10% che non è confluita nel patto di sindacato.

Ma dopo che Della Valle nella scorsa settimana è uscito dal patto di sindacato di Mediobanca per avere le mani libere mentre contemporaneamente ha acquistato pagine dei più importanti quotidiani per mandare a … quel Paese l’intera classe politica italiana tutto è possibile secondo la speculazione. Anche un bel calcio “griffato” Tod’s all’assetto di controllo di RCS…

Se si dovesse dare l’Oscar per la quotazione in Borsa con il peggior timing probabilmente la società piacentina RDB potrebbe concorrere alla terna finale. Un gruppo che opera nel settore dei componenti per l’edilizia e nel settore delle industrie per le costruzioni prefabbricate in cemento armato. Quotata, infatti, nell’estate 2007 con un brillante passato alle spalle per RDB dopo che è sbarcata in Borsa è arrivata, infatti, l’Apocalisse complice la crisi immobiliare ed economico-finanziaria. Con gli ordini di solai, travi e i pilastri in cemento, gas beton crollare trimestre dopo trimestre senza vedere mai una luce in fondo al tunnel. E l’indebitamento della società crescere senza soste. Così il titolo collocato a 5,1 euro ora vale un decimo di quel valore e questa settimana ha perso il 24%. Ora la società ha presentato alle banche un piano di ristrutturazione: i soci di maggioranza sono disposti ad aprire il portafoglio. Ma sarà importante soprattutto capire se le banche sono disposte sempre a mantenere i fidi. E fidarsi di un gruppo in costante… costruzione.