IL PARADOSSO DEI NUOVI “POVERI”: I LAVORATORI

L’economia della condivisione sta creando una nuova classe di lavoratori: i working poors, secondo Riccardo Staglianò, l’autore di “Lavoretti – così la sharing economy ci rende tutti più poveri”. I nuovi lavoratori poveri sono secondo il giornalista quelli che un lavoro ce l’hanno, ma con quello che prendono non arrivano a fine mese. Questi nuovi lavoratori secondo Staglianò sono in costante aumento, sia negli Stati Uniti che in Italia. Alcuni fanno i “ripulitori del web” per Facebook, cancellando contenuti osceni o pericolosi, altri (i “raters”), lavorano per aiutare Google a migliorare l’algoritmo di ricerca. Altri ancora mettono a disposizione la loro macchina per chi vuole un taxi a buon mercato (Uber) o la propria bicicletta (i cosiddetti riders) per portarti a casa un pasto caldo (Foodora, Deliveroo), altri le proprie competenze professionali in piattaforme dedicate dove si fa leva sul prezzo più basso in una gara al ribasso.
Lavori “nuovi” creati dalla rete, a volte non banali, in alcuni casi usuranti, ma pagati poco, pochissimo.

 

 

L’economia dei lavoretti basata sulle app mette in comunicazione in modo nuovo e totalmente efficiente la domanda e l’offerta di qualsiasi bene o servizio creando secondo l’autore di “Lavoretti – così la sharing economy ci rende tutti più poveri” un mostro di cliente: quello disposto a pagare pochissimo, ma implacabile, perché vuole un servizio a cinque stelle. Se no sui social o direttamente sull’app, ti fa il pelo e il contropelo, abbassandoti il rating e restringendo le tue possibilità di lavoro futuro.

L’economia dei lavoretti basata sulle app, come Airbnb, Uber, Deliveroo, o sui colossi del web (il magazziniere per Amazon, il censore per Facebook, il miglioratore di risultato per Google) rischia secondo Staglianò di rendere ricchi pochissimi e poverissimi tutti gli altri. Compresi quelli che non lavorano per loro.
Perché i colossi del web sono campioni nel fatturare tanto ma anche nel pagare pochissime tasse grazie ai servizi resi da società di consulenza e Stati che si mettono al loro servizio…

Nel nuovo libro del giornalista Riccardo Staglianò “Lavoretti – così la sharing economy ci rende tutti più poveri” le analisi, le riflessioni, i numeri e gli incubi di un giornalista che vuole evidenziare il lato “distruttivo” delle nuove aziende hi tech, sul lavoro e sul welfare. Un libro non proprio rilassante ma sicuramente interessante da leggere e molto scorrevole.

Sì, VOGLIO CONTINUARE A LEGGERE

REGISTRATI GRATIS per poter visualizzare tutti i contenuti e ottenere l'accesso al SoldiExpert Club

* Il nome è un'informazione obbligatoria
* Il cognome è un'informazione obbligatoria
* Il tuo indirizzo email è un'informazione obbligatoria e sarà usato anche come nome utente di accesso al sito, quindi inserisci quello che usi maggiormente
Digita due volte la tua email per evitare errori.
Ti chiediamo il numero di telefono solo per contattarti in caso di problemi.
*Campi obbligatori

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI