L’IMMOBILIARE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS: -25% NEGLI STATI UNITI IL VALORE DI CENTRI COMMERCIALI E ABITAZIONI

Il mattone è l'investimento sicuro? Allora perché sta perdendo più delle azioni in borsa? Facciamo una panoramica globale con Nuveen real estate.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOL Summit 2021

Nel report mensile sullo stato di salute del settore immobiliare, Nuveen Real Estate, una delle più grandi società al mondo attive nella gestione degli investimenti nel real estate con $128 miliardi di asset under management, pubblica un’interessante view sugli effetti del Coronavirus sul valore dei diversi asset immobiliari, sull’occupazione e sul PIL nei diversi angoli del globo. Molto interessante il grafico a pagina 1 di confronto tra il 2019 e il 2020 per rendersi conto dell’impatto stimato sul PIL del Coronavirus nei principali paesi europei .

Tra i dati che colpiscono di più quelli sul numero degli infetti: il 25% dei casi proviene dagli Stati Uniti con 5 milioni di casi. Continua la politica di sostegno all’occupazione e anche di tutele contro gli sfratti, di proroghe per il pagamento dei prestiti agli studenti visto che rispetto a febbraio 2020 si sono persi 13 milioni di posti di lavoro. Drammatico l’effetto sul valore dei centri commerciali e del valore delle abitazioni: -25% per l’effetto combinato del minor reddito disponibile e per un netto calo della domanda. Diverse catene hanno presentato istanza di fallimento: Lord & Taylor, Ascena Retail (Lane Bryant, Ann Taylor), Brooks Brothers, J.C. Penney, J. Crew, Neiman Marcus, True Religion, 24 Hour Fitness and Modell’s Sporting Goods.

Leggi l’analisi completa su…

Continua a leggere l'analisi su SoldiExpertLAB Continua a leggere l'analisi su SoldiExpertLAB