Inflazione permanente: improbabile ma non impossibile

Il tema dell'inflazione è ormai sulla bozza di tutti: sarà permanente o solo transitoria? Ecco perché non ce ne libereremo così facilmente

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Inflazione strutturale o temporanea? È intorno a questo dilemma che ruota il mercato. Trattiamo l’argomento grazie al contributo di Frédéric Leroux, strategist di Carmignac, che riportiamo integralmente.

Il tema dell’inflazione è ormai sulla bocca di tutti. È solo un fenomeno temporaneo, come ripete a iosa Jerome Powell, presidente della FED, o potrebbe dimostrarsi resiliente? I banchieri centrali – che da molti anni sostengono l’economia mondiale con tassi di interesse fermi a livelli eccezionalmente bassi – continueranno a mantenere questa politica iperaccomodante? O dopo oltre un decennio di politica interventista antidepressione avvieranno una graduale normalizzazione della politica monetaria?

 

 

L’inflazione è transitoria, i motivi

 

Dal picco d’inflazione registrato nel 1980, i paesi sviluppati hanno vissuto 40 anni di calo dell’inflazione e dei tassi d’interesse. A volte, l’inflazione è quasi diventata negativa e l’Europa ha sperimentato per diversi anni i tassi d’interesse negativi, una situazione impensabile in passato.

È vero che ci sono stati periodi di rialzo dei prezzi, come nel 2011 o nel 2018, ma sono stati di breve durata. La disinflazione degli ultimi quarant’anni si spiega con la concorrenza salariale molto accesa del mondo emergente, la maggiore specializzazione geografica delle produzioni e gli effetti del progresso tecnologico sui posti di lavoro meno qualificati nei paesi sviluppati. Questi fattori hanno impedito agli stipendi di entrare, insieme ai prezzi dei beni e dei servizi, nel circolo vizioso dell’inflazione autoalimentata.

Secondo lo strategist di Carmignac, le forze deflazionistiche, insieme all’invecchiamento della popolazione e all’indebitamento dell’economia mondiale (senza precedenti in tempo di pace) sono i motivi generalmente addotti per convincersi del carattere puramente transitorio dell’attuale inflazione.

La riapertura dell’economia mondiale dopo la pandemia ha favorito il rialzo dei prezzi, innescato dalla penuria di semiconduttori e di manodopera e dalla disorganizzazione dei sistemi di trasporto. Tuttavia, il previsto superamento di queste strozzature ha rafforzato l’idea che l’attuale inflazione fosse solo transitoria.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB