Investire emergenti: i mercati di frontiera attraggono gli investitori. Cosa sapere nel bene e male

Per gli esperti le condizioni economiche attuali sono favorevoli per i mercati emergenti di secondo livello. Quali sono e cosa considerare?

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOL Summit 2021

Secondo un articolo del quotidiano tedesco Handelsblatt le condizioni attuali di mercato sono favorevoli per alcuni mercati emergenti, in particolare per i mercati di frontiera. Ma quali sono?

I Paesi a cui ci si riferisce con questa espressione sono: Vietnam, Kazakistan, Egitto, Pakistan o Romania (e non solo) ovvero Paesi Emergenti “di secondo livello” perché non altrettanto sviluppati.

Molti economisti si aspettano un’economia globale in forte espansione e un aumento dei prezzi delle materie prime quest’anno. E per la maggior parte delle economie emergenti, queste sono condizioni favorevoli, almeno se i rendimenti dei titoli Treasury USA non saliranno alle stelle.

In particolare, ciò vale soprattutto per i mercati di frontiera, i quali offrono agli investitori, secondo gli esperti, un grande potenziale nell’attuale contesto anche associati a livelli di rischio elevati.

“Siamo nel bel mezzo di un momento reflazionistico in tutto il mondo”, afferma Francesc Balcells, cio presso FIM Partners, facendo riferimento alla combinazione tra forte crescita e aumento dell’inflazione.

Secondo Balcells, i mercati emergenti e soprattutto i mercati di frontiera sono tra le classi di attività più colpite. “Beneficiate di prezzi più elevati delle materie prime e di una crescente domanda di importazioni dalle economie sviluppate”.

 

Tenere conto dei rendimenti ma anche delle perdite

 

Nell’ultimo anno, il miglior fondo azionario Frontier Markets della società canadese Fiera Capital ha ottenuto un rendimento di quasi il 59%. Il basso livello di valutazione della primavera scorsa causato dalla pandemia da Coronavirus ha giocato un ruolo importante, ma anche su un periodo di cinque anni, il rendimento annuo è stato dell’11,4%.

In termini di rischiosità un indicatore mostra che il rischio è elevato: la perdita massima del fondo calcolata in un mese è stata di circa il 35% negli ultimi cinque anni.

Quanto appena detto dimostra che in caso di dubbio, gli investitori devono sopportare perdite elevate.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB