ESG, gli indici climatici sono una macchina per il “greenwashing”

Quanto pesano i fattori ESG negli indici della finanza sostenibile? Non solo pesano poco ma c'è un alto rischio di greenwashing. Ecco perché

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOL Summit 2021

I fondi ESG rispettano davvero nella loro totalità i criteri di sostenibilità? O dire che un fondo è verde è solo un motto per aumentare le sottoscrizioni? Secondo un interessante articolo del quotidiano francese Les Echos gli indici ESG sono molto esposti al rischio di “greenwashing”. Capiamo il perché.

E se la finanza sostenibile fosse un’esca? “Green is beautiful” e i fondi ESG, orgogliosi di rispettare criteri ambientali, sociali e di governance, sono diventati la principale forza trainante della gestione patrimoniale europea.

Ma in realtà “l’industria degli investimenti, nonostante le sue promesse, sta facendo poco per riallocare il capitale in una direzione e in un modo che potrebbe ispirare le aziende a contribuire alla transizione climatica”, affermano i ricercatori della Edhec Business School.

In uno studio inedito dal titolo “Fare bene o sentirsi bene? Rilevare il greenwashing negli investimenti per il clima”, la cattedra Scientific Beta, nota per la sua competenza negli indici di mercato, denuncia un diffuso “greenwashing”.

“La stragrande maggioranza dei fondi istituzionali e dei mandati che affermano di avere un impatto positivo sul clima è esposta a significativi ed evidenti rischi di greenwashing, in gran parte perché mostrano metriche climatiche interessanti nei loro portafogli attraverso l’attuazione di strategie errate”, scrivono Noël Amenc, Felix Goltz e Victor Liu.

 

 

Quanto pesano i fattori climatici negli indici ESG? Dati che sorprendono

 

Gli esperti del settore hanno analizzato alcuni indici azionari. Hanno analizzato i cosiddetti indici di borsa “climatici” nel periodo 2011-2020. Questi sono stati sviluppati da un universo di circa 2.000 società quotate impegnate a ridurre le proprie emissioni di gas serra.

Molti di questi indici hanno nomi seducenti: MSCI Climate Change, Euronext Low Carbon PAB (Paris Aligned Benchmark) o S&P Dow Jones Paris-Aligned & Climate Transition. Sono utilizzati in particolare dagli ETF (fondi indicizzati quotati), che li replicano passivamente.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB