Investire oggi: puntare sugli emergenti è la mossa giusta?

Nel contesto attuale secondo DWS i mercati emergenti danno maggiori opportunità rispetto agli Stati Uniti o all'Europa. Ecco perché

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Quali sono gli investimenti da cui si può guadagnare ancora qualcosa in questo momento? Un articolo del quotidiano tedesco Handelsblatt e un report di DWS provano a fornire alcune risposte.

DWS, la società di gestione patrimoniale tedesca, ha buone notizie e cattive notizie per gli investitori.

La buona notizia è: nonostante le valutazioni elevate, il più grande fornitore di fondi per investitori privati sul mercato tedesco non si aspetta un crollo duraturo dei mercati azionari. La cattiva notizia è che gli investitori dovranno essere preparati a rendimenti complessivi relativamente bassi nei prossimi dieci anni.

La società tedesca vede opportunità soprattutto nei titoli dei paesi emergenti, in particolare la Cina, e negli investimenti sostenibili.

Per le azioni degli Stati Uniti e dell’Europa DWS prevede un lieve aumento nei prossimi dodici mesi: sarebbe comunque un buon risultato considerando i rendimenti di circa il 12% che indice azionario statunitense S&P 500 e quello europeo Stoxx Europe 600 hanno registrato dall’inizio dell’anno.

Tuttavia, nei prossimi dieci anni, è improbabile che le azioni statunitensi portino più del 5% all’anno per gli investitori, secondo le stime di DWS.

Gli strategist prevedono un risultato inferiore, ovvero del 4%, per i titoli europei a lungo termine. Per le azioni dei mercati emergenti, invece, le aspettative sono migliori: si prevedono rendimenti del 9% nei prossimi dodici mesi e del 6% annuo nei prossimi dieci anni.

Per quanto riguarda i titoli di stato, secondo DWS, le cose vanno molto male, soprattutto per i Bund tedeschi. Secondo gli strategist di DWS chi investe su Bund decennali non guadagnerebbero nulla nei prossimi dieci anni.

La logica che sta alla base di questa affermazione è che i rendimenti, che sono ancora in rosso, aumenteranno nel lungo periodo, ma in cambio, gli investitori devono essere preparati alle perdite di prezzo. Rispetto ai Bund, DWS vede un po’ più di opportunità nei titoli di stato statunitensi e nelle obbligazioni societarie.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB