Investire oggi: la pietra filosofale degli investimenti sarà un “indice del tutto”?

Investire oggi: un prodotto di investimento che sia in grado di replicare l’intero mercato finanziario è possibile? Ecco l’idea di un "indice del tutto"

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Qual è il miglior modo per investire e replicare il rendimento dei mercati finanziari più importanti?

I fornitori si esercitano per cercare di catturare la performance dell’intero mercato o dell’indice principale MSCI World. La presenza di strumenti finanziari come gli ETF e la corsa al migliore spingono i fornitori di indici a migliorare le loro “creazioni” sempre di più.

Un interessante articolo del Financial Times racconta degli sforzi dei fornitori nel catturare una quanto più ampia fetta di mercato per poterla replicare fedelmente.

Il gigante del benchmarking finanziario MSCI sta lavorando su quello che alcuni nel settore chiamerebbero un “indice del tutto” che tiene traccia delle prestazioni di tutti i mercati, che potrebbe segnare il culmine di mezzo secolo di teoria accademica e ingegneria finanziaria pratica.

 

Investimenti finanziari: Perché l’idea di un indice che comprende tutto il mercato?

 

In ambito di investimenti finanziari l’indicizzazione è un’attività in forte espansione, che suddivide i mercati in aree geografiche o categorie come azioni o obbligazioni, e quindi suddivide ulteriormente per dimensione o settore. Questi vengono poi utilizzati come benchmark per i gestori di fondi o confezionati in prodotti di investimento. Ma un modo per combinare tutto, dalle materie prime al capitale di rischio in un unico indicatore, si è dimostrato sfuggente.

“È il Santo Graal”, afferma Mark Makepeace, il capo del provider di indici Wilshire. “Risolve un problema fondamentale degli investimenti e sarebbe estremamente vantaggioso”.

Quando Makepeace ha guidato FTSE Russell, il gruppo ha collaborato con il premio Nobel e professore di economia di Stanford William Sharpe per creare uno strumento di asset allocation adattiva che ha iniziato ad affrontare l’idea di un indice definitivo, ma questo includeva solo azioni e obbligazioni.

Un vero indice definitivo andrebbe oltre, includendo altre grandi classi di attività, come le materie prime, e persino le attività private che non vengono scambiate in borsa, come beni immobili, infrastrutture, prestiti bancari e partecipazioni in società della Silicon Valley.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB