Investire sull’oro. A che punto siamo e quali sono le previsioni per il 2021

Speciale Oro. La crescita dei listini azionari ha fermato la corsa al bene rifugio per eccellenza però resta vigilato speciale. Ecco perchè e quali strumenti (fondi, ETF, ETF ed azioni) guardare

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Rispetto ai massimi raggiunti dai prezzi storici dell’oro sopra i 2050 dollari l’oncia l’attuale fase dove nelle ultime settimane è arrivato a scendere sotto i 1800 per poi rimbalzare sugli attuali 1850-1860 potrebbe dare l’idea di un investimento tornato ora in soffitta con scenari post Covid che fanno sognare una ripresa vigorosa dell’economia.

Il mese di novembre passerà probabilmente alla storia di molti listini come fra i migliori degli ultimi decenni e arriva dopo un ottobre sostanzialmente negativo e dove i soliti guru avevano previsto un pessimo andamento delle Borse nel caso di una vittoria poco chiara e netta nelle presidenziali Usa di uno dei due contendenti: Joe Biden e Donald Trump. Proprio quello che invece si è verificato

Per queste ragioni a fronte degli afflussi sui mercati azionari si sono visti, nel mese appena chiuso, i maggiori deflussi sui “porti sicuri” come l’oro e l’argento tra le commodity, nonché i decennali tedeschi e i trentennali Usa tra i Titoli di Stato, i cui prezzi avrebbero subito una flessione maggiore in assenza degli acquisti delle rispettive banche centrali nell’ambito dei programmi di quantitative easing.

Ma infinite volte nel corso della storia l’oro è stato dato per finito o considerato una “reliquia barbara” e sarebbe sbagliato anche questa volta pensare che l’oro non ha un suo “perché” in portafogli diversificati con un peso appropriato secondo il proprio profilo di rischio. E’ questa la nostra opinione come consulenti finanziari indipendenti e la posizione nell’oro (attraverso ETF o ETF o azioni dirette) nei nostri portafogli ha consentito di contenere (e molto) la volatilità nei momenti peggiori del mercato del 2020 e ottenere comunque dei guadagni.

Quest’anno la Federal Reserve degli Stati Uniti (come tutte le principali banche centrali) ha implementato politiche di quantitative easing senza precedenti che difficilmente non avranno conseguenze per il valore del dollaro USA. Il team di analisti di SoldiExpert SCF sull’oro aveva scritto una guida sempre attuale (scaricabile gratuitamente all’indirizzo oro.soldiexpert.com)

In questo speciale facciamo il punto sull’attuale situazione e gli strumenti più interessanti a cui guardare se si vuole posizionarsi in modo diretto o indiretto sul metallo giallo dal punto di vista finanziario.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab