Sindrome cinese: 10 cose che ancora non sai sulla Cina

Investire sulla Cina oggi? Dalle previsioni di crescita al settore immobiliare: ecco le 10 curiosità da sapere sul Paese guidato da Xi Jinping

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOL Summit 2021

(parte del contenuto di questa analisi è stata pubblicata in anteprima nella nuova Lettera Settimanale che viene inviata ogni martedì agli iscritti al nostro sito insieme ad altri contenuti speciali: è possibile registrarsi gratuitamente qui nel caso non si fosse già registrati al nostro sito)

Le emissioni cinesi di gas dannosi per il clima nel 2019 non solo sono state superiori a quelle degli Stati Uniti, ma hanno anche superato per la prima volta le emissioni di tutti i paesi sviluppati messi insieme!

Secondo JP Morgan il PIL della Cina sorpasserà entro il 2030 quello degli Stati Uniti.

Sul fronte delle vaccinazioni la Cina è il Paese al mondo, davanti a Ue e Stati Uniti, con il maggior tasso di persone vaccinate: il 71% della popolazione.

Sul turismo mondiale i cinesi sono una potenza: 150 milioni.

L’1% più ricco dei cinesi possiede il 30,6% della ricchezza nazionale: quanto a disuguaglianza sociale la Cina non ha nulla da invidiare agli Stati Uniti.

Dopo aver favorito in tutti i modi il capitalismo, il partito comunista oggi punta alla redistribuzione dei redditi: l’obiettivo è creare una classe media e puntare alla prosperità comune. 600 milioni di cinesi vivono con meno di 130 euro al mese

 

>>GUARDA IL VIDEO

 

La proporzione della popolazione cinese che vive nelle città è aumentata notevolmente negli ultimi decenni, da poco meno dell’11% nel 1949 al 64% negli ultimi anni e questo spiega il boom del settore immobiliare. Nella città tecnologica di Shenzhen, i prezzi degli immobili sono triplicati tra il 2010 e il 2020. Oggi il trasferimento dalle campagne alle città è estremamente ridotto.

La domanda di immobili sta rallentando da anni e c’è il rischio di una bolla: le vendite nelle grandi città sono in calo anche del 20%. Uno dei fattori che stanno impattando maggiormente sulla domanda di case è la demografia: la popolazione cinese non cresce più. Ogni anno nascono meno bambini e il numero di donne in età fertile nel prossimo decennio potrebbe diminuire del 30%.

In Cina ci sono 3 miliardi di metri quadrati di abitazioni invendute: sono così tanti gli alloggi vuoti che potrebbero ospitare oltre 90 milioni di persone.

 

Lettera Settimanale

LA NOSTRA LETTERA SETTIMANALE... WOW!

Tieni sempre acceso un radar sui mercati! Ricevi gratis, ogni martedì, il meglio delle nostre analisi sulla tua casella email

Acconsento al trattamento dei dati per scopi di marketing, comunicazione e promozione da parte esclusiva di SoldiExpert SCF. I miei dati non saranno trasmessi a terzi e trattati nel rispetto della normativa

 

In Cina il principale costruttore del Paese, Evergrande, rischia il fallimento. La società immobiliare ha debiti per 300 miliardi: un record mondiale per questo settore. Il settore immobiliare cinese contribuisce per il 29% al prodotto interno lordo del paese e un default della società potrebbe avere serie conseguenze sulla crescita del Paese. Nel 2000 la Cina è cresciuta a un tasso del 10% l’anno, nei prossimi anni potrebbe scendere al 2% secondo i più pessimisti.