MEGLIO IL DIVIDENDO O LA CEDOLA OGGI?

Il mercato cambia anche se noi non ce ne accorgiamo. Gli analisti di Vanguard ci mostrano bene un concetto che vorremmo condividere...

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Vanguard analizza i rendimenti storici e attuali delle azioni e delle obbligazioni evidenziando come nonostante i tagli ai dividendi imposti dalla pandemia, il rendimento delle azioni rimane ancora molto attraente rispetto a quello delle obbligazioni.

Il rendimento delle obbligazioni – osserva Vanguard – storicamente non è mai stato così basso. Basta fare un confronto storico. L’86% dei 60tn$ del mercato a reddito fisso considerato da ICE Data Service per le proprie analisi rendeva meno del 2% a fine giugno. E più del 60% rendeva meno dell’1%. Rende più del 5% solo un 3% del mercato investibile. Alla fine degli anni ’90 la situazione era completamente invertita: il 75% delle obbligazioni rendeva più del 5% e solo il 10% rendeva meno del 2%.

Sempre guardando al confronto storico tra rendimento delle azioni e delle obbligazioni il dividend yield (il rapporto prezzo/rendimento) non è mai stato così attraente. Non è una novità che il dividend yield sia più alto del bond yield, nota Vanguard. Nel grafico sottostante si può vedere la percentuale di società dell’S&P500 che pagano dividendi superiori all’yield del decennale americano: nel 2020 questo livello è arrivato ad essere intorno all’80%.

Continua a leggere su…