Mercati: scatta il risk off o è stata solo una pausa estiva?

La combinazione di variante Delta e shock inflazionistici intimorisce i mercati finanziari. La situazione attuale deve preoccupare gli investitori o è solo una fase passeggera?

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

I timori per la rapida diffusione della variante Delta, combinati a dati contrastanti sull’andamento dell’attività economica e alle significative sorprese inflazionistiche, tornano a preoccupare i mercati finanziari a vedere cosa è accaduto lunedì sui mercati. Un ribasso poi ricoperto nei giorni successivi.
Ecco l’opinione di Massimiliano Schena, Direttore Investimenti di Symphonia SGR, rilasciato a inizio settimana.

Una fase di avversione al rischio sta colpendo i mercati finanziari, con gli asset rischiosi sotto pressione ed un’elevata domanda per i beni rifugio, anche se i movimenti sono probabilmente accentuati dalla bassa liquidità estiva.

I mercati azionari hanno registrato un incremento della volatilità e performance negative relativamente uniformi tra i Paesi Sviluppati, mentre le asset class Emergenti hanno retto meglio la fase di debolezza sostenute dalla Cina, che tuttavia rimane ancora ben lontana dai massimi storici.

 

Mercati azionari: la variante Delta deve preoccupare gli investitori?

 

I timori per la diffusione della variante Delta sembrano chiaramente alimentare le prese di profitto sulle posizioni di reflazione, analogamente a quanto avvenuto in febbraio con la comparsa della variante britannica.

In quel caso, ci volle qualche settimana per valutare correttamente il rischio per lo scenario macroeconomico, in un contesto sanitario che era peraltro più difficile. Ma dalla seconda metà di febbraio la reflazione era tornata alla guida dei mercati.

È possibile che la stessa situazione si stia ripresentando ora, con una variante altamente contagiosa ma non particolarmente più letale che si diffonde esponenzialmente ovunque compaia. Ma rispetto all’inizio dell’anno la campagna vaccinale si sta dimostrando efficace nel prevenire l’aumento rapido dei ricoveri e delle morti.

 

Mercati finanziari e crescita economica

 

Come conseguenza, anche se i Governi europei e nordamericani stanno valutando di ricorrere a misure più rigorose per contrastare il contagio, come un più diffuso utilizzo del “green pass” nell’Unione Europea, la propensione a fare ricorso a restrizioni più drastiche alla mobilità ed alle attività a basso distanziamento sociale sembra molto basso, riducendo fortemente un significativo rischio al ribasso per la crescita economica.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB