Uno spritz che oggi vale 15 miliardi di euro per Campari. Banche perché ora sono tornate di moda

Grazie all'acquisizione di Aperol, rivelatosi l'affare del secolo, oggi in Borsa Campari vale oltre 15 miliardi di euro. E nel settore finanziario i titoli bancari sono tornati forti. Il commento su Borsa e mercati di Salvatore Gaziano a Caffè Affari

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Trimestrali ruggenti per il settore bancario e questa mattina UBS supera le previsioni, mentre in Italia dopo lo stop alla trattativa fra MPS e Unicredit si guarda in direzione BPM. I titoli bancari, comunque, sono tornati forti e questa settimana attenzione alle trimestrali.

E fra queste oggi rilascia i dati Campari che con Aperol e il cocktail Spritz ha messo le ali al titolo. Le vendite sono aumentate in modo massiccio, sia online che offline. Solo negli Stati Uniti, l’e-commerce di Campari è cresciuto del 500 percento.

Nel 2004 Campari aveva rilevato Aperol per 150 milioni di euro e ora la società Campari vale in Borsa oltre 15 miliardi di euro grazie soprattutto a quell’acquisizione che si è rivelata l’affare del secolo. Aperol ora rappresenta il 14% delle vendite del gruppo e il motore della redditività. Gli USA restano il mercato di vendita più importante, dove Campari realizza il 32% del business, seguiti dall’Italia con il 15%. La Germania è il terzo mercato più importante con il 6%.

 

>>GUARDA IL VIDEO