MIA MOGLIE E’ UNA STREGA. QUANDO SALE SUL PALCO DELL’ITFORUM E PARLA DEI TUOI RISPARMI!

Roberta Rossi è un consulente finanziario indipendente, responsabile della divisione Consulenza Personalizzata di SoldiExpert SCF . Salvatore Gaziano è il responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF  (consulenza finanziaria indipendente in azioni, fondi, Etf e obbligazioni anche tramite portafogli modello ) dopo aver lavorato per molti anni come giornalista finanziario e analista nel settore. Oltre che nel lavoro formano una coppia anche nella vita e in questo diario parlano di finanza personale o dei  fatti più importanti della settimana senza censure e con un pizzico d’irriverenza.
Con una rubrica molto “familiare”…

In questa conversazione parliamo della spettacolare conferenza all’ITForum di Rimini (a breve sarà disponibile la visione) e di cosa può insegnare a chi vuole investire i propri risparmi senza paraocchi e con un occhio…alla trasparenza e l’altro al risultato. 

 

Tramogliemarito-300x149

 

 

Roberta: Allora come ti sembra che sono andata a Rimini al nostro convegno all’ITForum?

Salvatore: E me lo chiedi? Se devo usare solo una parola dovrei dire stupefacente! E poi oggi è il tuo compleanno, auguri!!!

Roberta:  Esagerato! E per quanto il mio compleanno come diceva una famosa attrice americana: “Il segreto per rimanere giovani consiste nel vivere onestamente, mangiare lentamente, e mentire riguardo alla tua età.”

Salvatore: Ma quale esagerato? Se pensi che qualche anno fa avevi imbarazzo a salire e parlare sopra un palco e mi avevi detto che ti trascinavo in cose che non erano sempre nelle tue corde. Ora sopra un palco quando parli di finanza, Borsa, risparmio gestito potresti perfino battere Sabina Guzzanti quando parla (anzi oramai parlava)  di Berlusconi. Dall’esito delle ultime elezioni dovrà ripensare a tutto il suo repertorio  🙂

Roberta: In effetti in questa conferenza mi sono lasciata un po’ andare e all’ITForum di Rimini, la più importante fiera del trading e del risparmio gestito in Italia, mi sento molto a mio agio come pubblico e luogo.  E mi sono sentita talmente a casa che quest’anno alla conferenza “Segreti e bugie dell’industria del risparmio gestito” ho cantato, sguainato una spada, fatto l’imitazione di Cuccia, mostrato un quadro del surrealista Magritte, un quadro con delle sirene e uno con delle ninfe. Tutti della corrente dei preraffaelliti. Ma anche un quadro del 1400 di Paolo Uccello come il celebre “San Giorgio e il Drago” e invitato alla fine della conferenza i partecipanti a mangiare una delle mele che avevamo portato. La mela, simbolo cristiano del peccato e al contempo simbolo laico della conoscenza e del libero arbitrio.

4-Nessuna-tentazione

Salvatore: Devo dire che dopo la tua performance ne sono uscito confuso e felice. Confuso perché non mi avevi detto nulla di quello che avresti detto e l’ho scoperto insieme ad altre 200 persone divertendomi ma imparando molte cose dette con grande acume e cultura; felice perché ho pensato dentro di me che l’allievo (se mai lo sei stata) ha superato il maestro. Ti guardavo (e non credo solo io visto che molti scattavano foto a te e alle slide) con stupore crescente. E non solo te perché anche la relazione di Francesco Pilotti, il nostro responsabile dell’Ufficio Studi che ha esaminato i pro e contro delle nostre strategie d’investimento, è stata chiara, puntuale e ricchissima di dati e considerazioni interessanti che tutti i risparmiatori consapevoli dovrebbero conoscere (e presto metteremo online le slide e video di tutti questi interventi).

Roberta: “Ragazzi abbiate il coraggio di essere voi stessi” mi aveva detto una Professoressa all’Università. “Non cercate di essere come il riso in bianco, è vero è un piatto che piace un po’ a tutti ma sa di poco. Ragazzi rischiate, non piacerete a tutti ma piacerete veramente a qualcuno” E così ho rischiato d’altronde oggi compio 44 anni se non ora quando? Mi ero molto preparata e durante le mie passeggiate mattutine aveva concepito e soprattutto visualizzato conoscendo bene le sale dell’ITForum questa sorta di performance perché se vogliamo far capire perché siamo differenti nell’approccio all’investimento (e i nostri portafogli in questi anni lo hanno dimostrato) dobbiamo essere anche un po’ diversi nel comunicare.. Comunque non credo di averti superato in tutto, sulla Borsa è difficile trovare qualcuno che ti possa battere come conoscenza delle strategie, risultati realizzati, memoria storica, passione…

Salvatore: Prenditi anche i tuoi meriti, sei stata bravissima e prenditi la mia corona! E poi io non sono il Verrocchio. Un pittore oggi quasi sconosciuto ma che fu il maestro di bottega di un certo Leonardo da Vinci. E vuole la tradizione che, avendo il Verrocchio lasciato da dipingere al suo allievo Leonardo, uno dei due angeli che compaiono nel “Battesimo di Cristo“ (dipinto che oggi si può ammirare nella Galleria degli Uffizi) il giovane discepolo lo completò con tale maestria da oscurare l’ abilità del suo stesso maestro. Ragion per cui, si racconta, il Verrocchio rimase a tal punto incazzato che decise addirittura di chiudere bottega e darsi alla scultura. Ecco io non ho affatto intenzione di cambiare mestiere, tutt’altro!

verrocchio-leonardo
Un particolare del “Battesimo di Cristo” realizzato dal Verrocchio insieme a Leonardo. Qui l’angelo e l’arcangelo. Dove si nota come l’arcangelo (a sinistra) è più importante nella tradizione teologica dell’angelo sia per gli abiti che per la capigliatura. Ma anche per lo sguardo: il Verbo divino non viene mai divulgato direttamente all’interessato, ma passa sempre per tutte le gerarchie, come in questo caso, l’angelo guarda il grandioso evento del battesimo tramite gli occhi del suo superiore, l’arcangelo.

 

Roberta: Lo credo bene! Anche se ora che ti sei messo a dieta e hai perso oltre 10 chili in poche settimane sei diventato una fucina di idee ancora più del solito (ma anche ogni tanto preda di scatti d’ira come ha avuto modo di scoprire il direttore delle Poste locali) che si aggiungono alle mie e questo è un problema 🙂  Mi hanno molto colpito fra le tue slide quelle iniziali dove hai fatto vedere dalla nascita del 2011 a oggi quante cose abbiamo fatto e che risultati i clienti che ci hanno seguito hanno ottenuto come performance a seguire diligentemente le nostre strategie. E’ veramente qualcosa di straordinario e società con molto più personale rispetto alla nostra e concorrenti anche con budget milionari o azionisti di peso letteralmente si sognano. E basta guardarne i bilanci e non le rassegne stampa o i risultati dei portafogli dei loro clienti in questi anni..

Salvatore: Il tempo è un gran giudice in questo settore anche se purtroppo molti risparmiatori hanno la memoria corta e pure la vista a giudicare dagli errori che commettono troppo spesso. E ai nostri clienti che ci scoprono e seguono con diligenza (e sanno anche fare falò delle idee sballate) credo sia doveroso ricompensarli con risultati superiori nel tempo.
“Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi” è una frase attribuita ad Albert Einstein è ha un suo perché. Chi continua a investire seguendo delle regole e dei consigli sballati o delle mezze verità (quando non sono veri e propri imbrogli) non si deve stupire se poi nel tempo dal bilancio dei suoi investimenti vede sfumare tante opportunità e fiori da cogliere e fa il pieno di erbacce.

riminimeeting
Francesco Pilotti, responsabile dell’Ufficio Studi di SoldiExpert SCF durante il suo intervento all’ITForum 2014 di Rimini

 

Roberta: Provo spesso a spiegarlo e bene l’ha spiegato Francesco nella conferenza di Rimini. Noi non abbiamo trovato la “via facile” dove si guadagna sempre e comunque ma una metodologia che consente di ottenere nel tempo (e non nell’aldilà) risultati molto apprezzabili (con rendimenti medi annui del 8-10% sull’azionario in questi anni per intenderci a fronte di mercati asfittici o decisamente negativi). Naturalmente non tutti i mesi si guadagna, le nostre strategie prese in determinati periodi non sono infallibili e presentano anche falsi segnali. Non compriamo ai minimi e neppure vendiamo ai massimi o sappiamo dove saranno. E nel breve se c’è brutto tempo possiamo cercare di mitigarlo ma se fuori è tempesta non possiamo far brillare il sole. E possiamo anche sbagliare e chiudere in perdita molte operazioni. Ma è la somma che fa il totale negli anni. Delle operazioni chiuse in guadagno e in perdita. Quello che conta è il risultato complessivo. Negli ultimi 10 anni molti nostri clienti hanno raddoppiato il capitale a fronte di mercati che invece hanno anche dimezzato. E hanno ottenuto questi risultati nonostante tante operazioni in perdita, anzi grazie anche a tante operazioni in perdita ma anche tante operazioni in maggior guadagno… E di molto. E’ la matematica, bellezza.

Salvatore: Purtroppo la matematica ha una sua logica spietata che purtroppo non sempre è comprensibile emozionalmente.  Il risparmiatore medio in cuor suo vorrebbe sempre comprare basso e vendere alto senza mai chiudere un’operazione in perdita e se questo accade con una certa frequenza pensa di aver sbagliato tutto e che il “metodo non funziona” e che “i mercati ora sono differenti”. In oltre 20 anni di attività quante volte mi sono sentito dire da qualche risparmiatore che le mie idee in fatto di strategie d’investimento erano sballate e c’erano strade più facili e redditizie…
Anche a me piacerebbe certo azzeccare tutte le operazioni ma un conto è il libro dei sogni e un’altra la realtà e cosa possiamo fare per trarne il miglior beneficio dai nostri soldi con le strategie più interessanti e redditizie…Se poi per moltiplicare per 2 il capitale ho dovuto in qualche anno chiudere anche il 40% delle operazioni in perdita me ne faccio una ragione 🙂 Trovo che sia più interessante che avere gli stessi titoli di qualche anno fa (seppure non ho chiuso alcuna operazione in perdita) e trovarmi sotto del 30% come ha dimostrato Francesco…
Come avrebbe detto Massimo Catalano al tempo di “Quelli della notte”: E’ meglio guadagnare molto e sopportare qualche piccola perdita, piuttosto che “guadagnare poco e sopportare qualche grande perdita”.

  

leone-gaziano
Giacomo Leone, vincitore della maratona di New York ed ex primatista italiano della specialista, relatore all’ITForum insieme nella foto a Salvatore Gaziano, responsabile strategie d’investimento di SoldiExpert SCF


Roberta:
Già è una trappola ben conosciuta questa dalla finanza comportamentale e dagli studiosi del cervello dell’homo economicus . C’è chi giudica su un campo di informazioni molto limitato e pensa di poter trarne delle lezioni universali. Ma chi fa il nostro mestiere e svolge veramente il lavoro di consulente finanziario indipendente non deve assecondare le idee sballate (anche se in perfetta buona fede come chi pensa per esempio che sia una strategia furba liquidare un titolo dopo un guadagno prefissato) dei propri clienti per lucrarci magari sopra ma esserne anche un coach e aiutarlo a ottenere il meglio come rapporto rendimento/rischio dal proprio patrimonio in base al suo profilo. E anche dalla conferenza dell’ITForum a cui sono stata invitata insieme a importanti coach e sportivi sull’IMPORTANZA DELLA MENTE NELLO SPORT E NELLE SCELTE DI INVESTIMENTO (e anche qui ne pubblicheremo il video integrale tutto da vedere che ne abbiamo fatto grazie al nostro super efficiente Federico Ricci) ne ho tratto la convinzione che dobbiamo essere ancora più coach ovvero allenatori della mente nei confronti dei nostri clienti se vogliamo che questi ottengano i migliori risultati…

Salvatore: Vero e la lezione che ha dato Giacome Leone, l’ultimo maratoneta europeo a vincere la prestigiosa Maratona di New York è preziosa anche per noi investitori che vorremmo il tutto e subito: “La maratona non si vince essendo i primi al 30° chilometro ma alla fine dei 42,195 km; è lì al 30° chilometro che inizia per un maratoneta veramente la gara ed è una questione più di testa che di gamba quando il cervello inizia a dirti ‘chi te l’ha fatto fare’ e ti viene voglia di abbandonare la gara”

 

Roberta: Giusto e purtroppo molti investitori abbandonano la gara anche se sono sul cavallo vincente. E ne abbiamo visti in questi anni purtroppo anche fra i nostri clienti che hanno mollato spesso poco prima di forti salite successive perdendosi poi guadagni a 2 e anche a 3 zeri…

roberta-rossi

Salvatore: Se alcuni risparmiatori non capiscono la differenza fra  ottenere rendimenti positivi  e negativi nel tempo senza o con una strategia vuol dire che c’è un grande lavoro di formazione che si deve fare perché noi possiamo ottenere i migliori rendimenti del mercato da oltre 10 anni nella consulenza indipendente (e non solo!) ma se il pubblico dei risparmiatori si perde per strada e si fa attirare dalla tante sirene che tu hai ben descritto nella tua performance vuol dire che possiamo fare probabilmente di più e dobbiamo evidentemente comunicare meglio visto che non tutti hanno la stessa capacità di ottenere gli stessi risultati positivi a fronte delle stesse indicazioni.

Roberta: Vedi lo sapevo. La nostra società va benissimo, siamo invitati da tantissimi nel nostro settore, anche concorrenti, a fare “qualcosa insieme”; i nostri portafogli in questi anni hanno stra-battuto il mercato sia in termini di rendimento che di controllo del rischio; abbiamo sempre nuove tipologie di clienti anche istituzionali che ci fanno la corte o ci occupiamo oramai anche di private banking e private insurance; la nostra società si sta allargando come dipendenti e collaboratori e tu dici che dobbiamo fare di più….

Salvatore: Mai fermarsi . Oggi in qualsiasi settore chi non va avanti andrà inesorabilmente indietro. E ne pagheranno le conseguenze anche i propri clienti. Come si diceva una volta: guai a fermarsi: chi si ferma è perduto. E anzi aggiungerei poi nel mondo del risparmio che chi si perde è fottuto  😆

 

 

 

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI