IN MILLE COMUNI ITALIANI NON SI VENDE NEANCHE UNA CASA

“In 1000 Comuni non si vende neanche una casa”. E’ questo il titolo di un’intera pagina che il quotidiano Libero dedica alla situazione del mercato immobiliare fra luci (poche) e ombre (tante).
Un’analisi che prende spunto da una ricerca dell’osservatorio di Immobiliare.it secondo cui nel 2017 in oltre un migliaio di comuni dello Stivale siamo a zero transazioni. Segno di una totale assenza di mercato in territori che non offrono opportunità lavorative e stanno vivendo una condizione di abbandono, mentre qualche segno di vitalità si assiste nelle grandi città, e ancor più nelle metropoli come soprattutto Milano.

La situazione dell’Italia resta molto frammentata fra poche grandi metropoli che trainano leggermente la ripresa (Milano soprattutto), le grandi città che seguono, seppur con qualche eccezione, e i piccoli centri che invece soffrono ancora la crisi. Risultato: mentre in Europa nel 2017 i prezzi delle case sono mediamente saliti del +5% in Italia si va a passi di gambero (-0,5%).

Dal 2007, l’anno che si fa coincidere con l’inizio della crisi, il valore degli immobili nel mercato italiano è sceso mediamente di quasi un quarto ma nei piccoli centri e nelle periferie siamo anche oltre il -40%. E come evidenzia questo articolo in numerosi piccoli centri e località il mercato si è totalmente inaridito.

E’ infatti Milano l’unica grande città che ha concluso il 2017 con prezzi in aumento e per comprare casa nel capoluogo meneghino si richiedono mediamente 3.236 euro al metro quadro mentre nel resto della Penisola seppure sono aumentate le transazioni i prezzi restano inferiori a quelli dell’anno precedente (-0,5%) per il sesto anno consecutivo.

Le compravendite immobiliari in Italia sono state 542.480 nel 2017 (+4,9% rispetto al 2016) ma il dato resta di oltre un terzo inferiore a quanto si era scambiato nel 2008.

Sono numerose le ragioni che spiegano questa lunga stagione di crisi e nel passato più volte abbiamo affrontato l’argomento (come in questa analisi https://soldiexpert.com/moneyreport/i-prezzi-delle-case-investimenti-immobiliari/14778/ )  spiegavamo perché per l’immobiliare in Italia non si prospettavano tempi d’oro. Ed è una delle ragioni per cui già a partire dal 2005 spiegavamo perché sulle case in Italia c’era da attendersi un possibile forte ridimensionamento perchè i contro del “mattone” iniziavano a superare i pro.
Liquidabilità in forte deterioramento, trend demografico in forte discesa, condizioni economiche dell’Italia e del mercato del lavoro pessime, peso fiscale crescente, stock di immobili detenuti dagli italiani già molto elevato.

E la situazione non è facilmente risolvibile perchè alcune di queste condizioni, seppure dal picco della crisi economica ci siamo un po’ allontanati, persistono ancora e lo stock di immobili sul mercato resta elevato sia per questioni generazionali (i figli tendono a disfarsi sempre più degli immobili che ereditano perché li considerano sempre più un costo)…

Sì, VOGLIO CONTINUARE A LEGGERE

REGISTRATI GRATIS per poter visualizzare tutti i contenuti e ottenere l'accesso al SoldiExpert Club

* Il nome è un'informazione obbligatoria
* Il cognome è un'informazione obbligatoria
* Il tuo indirizzo email è un'informazione obbligatoria e sarà usato anche come nome utente di accesso al sito, quindi inserisci quello che usi maggiormente
Digita due volte la tua email per evitare errori.
Ti chiediamo il numero di telefono solo per contattarti in caso di problemi.
*Campi obbligatori

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check up gratuito e una valutazione del tuo portafoglio

PARLA CON NOI