I TITOLI TOP (Tenaris) & FLOP (Mediaset) DELLA SETTIMANA.

Ecco i titoli che si sono distinti nell’ultima settimana al rialzo e al ribasso. Rimbalza Tenaris (+ 13% ) e affonda Mediaset (-15%). Questa pazza, pazza Borsa… vista con una punta (naturalmente di matita e di colore rigorosamente rosso o blu) di ironia. Per cercare di sorridere anche dei continui saliscendi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

TOP

Tenaris

 

Scatto d’orgoglio per Tenaris che torna a correre a Piazza Affari di circa il 13% in settimana complice una trimestrale sopra le attese che ha stupito tutta la comunità finanziaria. L’utile nel terzo trimestre ha dichiarato un utile di 365,5 milioni di dollari (+20% sullo stesso periodo dell’anno scorso) con ricavi per 2.494,8 milioni (+4%). E come se non bastasse il cda della società italiana specializzata in tubi senza saldatura destinati all’industria delle costruzioni e petrolifera ha deciso di distribuire un acconto del dividendo per oltre 150 milioni di dollari. E guardando avanti il management di Tenaris stima che le vendite e l’utile operativo continueranno a migliorare nell’ultimo trimestre nonostante la situazione economica e finanziaria globale. E la chiamano una società del tubo…

 

 

FLOP

Settimana da dimenticare per Mediaset e Silvio Berlusconi. Costretto dai mercati non solo a fare un passo indietro da presidente del Consiglio ma anche ad assistere a un’ulteriore ondata di vendite sul titolo Mediaset che solo nella seduta di mercoledì ha perso oltre il 12% e 350 milioni di euro di capitalizzazione borsisistica. A zavorrare il titolo anche una trimestrale poco brillante che ha mostrato una frenata della raccolta pubblicitaria (-2,9% nei primi nove mesi dell’anno su Canale 5, Italia 1 e Rete 4) e un calo dell’utile operativo di oltre il 32%. I ristoranti per Silvio Berlusconi saranno forse pieni (e la crisi non esiste) ma evidentemente i vecchi inserzionisti pubblicitari non fanno più a gara per comprarsi gli spazi televisivi. E i mercati pensano che la tendenza futura è per un netto peggioramento dei conti..