PIAZZA AFFARI IN MANO ALLA MERKEL MENTRE IN GERMANIA ORA SUL DESTINO DELL’EURO NE DICONO DI TUTTI I COLORI.

La fine dell’estate viene attesa quasi con impazienza da quanti, oltre ad auspicarsi un ribasso della temperatura, cercano un confronto a livello economico e finanziario al seguitissimo Meeting organizzato annualmente a Rimini da CL. In due giorni si sono succeduti il nostro Premier Mario Monti e il Ministro dello Sviluppo Corrado Passera. Le indicazioni che si possono trarre sono di un moderato ottimismo. Si vede l’uscita dalla crisi ma molto dovrà ancora essere fatto. Ancora si devono trovare le risorse per abbassare le tasse e finche le aliquote saranno così alte sarà impossibile proporre crescita e sviluppo.

A livello europeo l’ipotesi di un piano della BCE per fissare un tetto massimo ai tassi di interesse per i Titoli di Stato di tutti i Paesi dell’Eurozona oltre il quale scatterebbero gli acquisti dello scudo anti spread ha provocato violente reazioni a Berlino. Prima è intervenuta la Bundesbank che reputa l’impresa molto rischiosa, poi sono arrivate le prese di posizione del Governo tedesco che ritiene l’ipotesi molto problematica. Asmussen, membro tedesco del comitato esecutivo della BCE, ha ammesso che la Germania ha tratto benefici dall’unione monetaria e dal mercato unico europeo con milioni di posti di lavoro creati grazie alle esportazioni verso l’Europa.

Se i vicini di casa stanno male, ha aggiunto Asmussen, ciò si ripercuote anche sulla Germania. Ma ora la Germania, aggiungiamo noi, si vuole mettere le mani in tasca per salvare il salvabile?

Immediate le reazioni negative sui mercati agli attacchi della Bundesbank: gli spread, che erano scesi sotto 420, hanno subito una oscillazione verso l’alto per poi tornare a scendere nelle ultime ore con Piazza Affari e le borse europee tornare a convincersi che quella tedesca di “bloccare tutto” è stata solo una “sparata” estiva.

Intanto i mercati finanziari sembrano essersi adattati perfettamente alla canicola estiva. Nell’ultimo mese il FTSE All Shares del mercato italiano ha recuperato terreno incrementando il suo valore del 20% circa. La volatilità resta elevata ma le possibilità di una continuazione del minitrend ascendente in corso sono buone se non arriveranno dalla Germania dei “niet” totali alla proposta di Draghi e i mercati interpreteranno le attuali dichiarazioni della Banca Centrale tedesca come di alcuni esponenti del governo tedesco come mosse più di tipo elettorale.

E questo potrebbe favorire la continuazione delle ricoperture che in questo momento stanno riportando alla riscoperta dei titoli e settori che erano stati più bastonati negli ultimi mesi: dai bancari alle utility. Ed è troppo presto per dire che siamo all’inversione di tendenza perché un movimento di “regressione verso la media” ci sta tutto e in altre occasioni recenti in questi anni si è visto che dopo poche settimane questo ri-innamoramento sciogliersi come neve al sole. Ma il vero test sarà quello che si affronterà a settembre con importanti scadenze in arrivo.

A partire dal parere della Corte Costituzionale tedesca  che entro il 12 settembre potrebbe pronunciarsi sul fondo fondo salva-stati Esm ovvero sul meccanismo europeo per il salvataggio dei paesi in difficoltà economica, Spagna in primis.

Intanto come si nota del grafico sottostante l’indice, in assenza di forti notizie negative potrebbe trovare il primo ostacolo di medio attorno ai 16.800. Ma attenzione a improvvise oscillazioni negative, anche se il supporto dei 15.400 sembra essere forte mentre una ridiscesa sotto quota 14500 potrebbe significare che si è trattato  soprattutto di un rally estivo. E anche piuttosto caloroso. Intanto comunque i nostri portafogli nelle ultime settimane anche su Piazza Affari hanno rivisto qualche buy ed è stata incrementata selettivamente l’esposizione. Operare con strategia (e senza attaccarsi a nessuna idea preconcetta)  è l’unica strategia 😉

FTSE All Shares

 

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI