Next Generation: quali impatti avrà il piano per la ripresa sui Paesi?

Il piano Next Generation ha l'obiettivo di riparare i danni causati dalla pandemia. Ecco gli effetti sulla crescita del Pil secondo S&P

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Durante la pandemia è stato necessario l’istituzione di un piano per la ripresa dei Paesi messi in ginocchio dalla pandemia: si tratta del Next Generation EU.

Con il piano Next Generation da 750 miliardi di euro e concordato a luglio 2020 l’UE mira a riparare i danni provocati dalla pandemia e riportare la crescita economica su un percorso più alto e sostenibile.

Ma quali saranno gli effetti del piano sulla crescita economica? Risponde la società americana S&P Global Ratings.

Per il calcolo dei possibili effetti del piano la società di rating ha ipotizzato due diversi scenari, tenendo conto anche di fattori come la tempistica degli esborsi, l’assorbimento dei fondi e i moltiplicatori di crescita legati alla spesa pubblica.

Nello scenario più ottimistico, ad alto impatto gli analisti ipotizzano un assorbimento dei fondi pari al 91,3% un moltiplicatore di crescita pari a 1,6 e che avvengano solo la metà degli esborsi previsti per il 2021 (il restante nel 2022). Sotto queste ipotesi, l’effetto sulla crescita economica dell’UE sarebbe del 4,1% del PIL entro il 2026 con grande differenza tra i Paesi, come mostra il grafico seguente.

 

Effetto sulla crescita economica del Pil entro il 2026 in Europa

 

Nello scenario più pessimistico, a basso impatto, gli analisti ipotizzano un assorbimento dei fondi pari al 51,4% un moltiplicatore di crescita pari a 1 e la stessa ipotesi in tema di tempistica degli esborsi di quello precedente (metà degli esborsi previsti per il 2021 pagati e il resto nel 2022).

Sotto queste ipotesi, l’effetto sulla crescita economica dell’UE sarebbe dell’1,5% del PIL entro il 2026. In questo caso, secondo gli analisti, il più forte impatto sulla crescita annuale si verificherebbe nel 2022, quando il grosso dei fondi dovrebbe essere speso, seguito da una spinta decrescente ma positiva alla crescita fino al 2026.

Il confronto tra i due scenari ipotizzati da S&P è ben visibile dal grafico 1 in cui in blu sono evidenziati i risultati ottenuti dallo scenario ad alto impatto mentre in azzurro quelli dello scenario a basso impatto.

 

Confronto tra i due scenari a basso impatto e ad alto impatto

 

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB