AL VIA I NUOVI PORTAFOGLI “ABSOLUTE” AZIONARI E OBBLIGAZIONARI

Un nuovo portafoglio dedicato ai fondi absolute return. E’ questa una delle novità dell’autunno (ma non la sola…) che lanciamo in queste settimane per offrire agli investitori un’ulteriore possibilità di diversificazione, pensando soprattutto a quei risparmiatori che vorrebbero replicare e trarre qualche profitto anche dall’andamento al ribasso dei mercati o da situazioni particolari ma che non possono impegnarsi in una gestione diretta come quella che da diversi anni offriamo con i nostri sistemi di copertura sul Future S&P Mib40 e le strategie consigliate.

Ovvero operare al rialzo sui mercati tramite i nostri portafogli ma “coprendosi” al ribasso in determinate situazioni tramite la vendita di Future sull’Indice S&P Mib40. Un’operatività che in questi si è rivelata molto protettiva e performante (vedi grafico seguente) ma che non è certo alla portata di tutti gli investitori per profilo di rischio e soprattutto nel tempo per la capacità (soprattutto “mentale”) di replicare le indicazioni (sia nella buona che nella cattiva sorte) fornite.

Come spiegato più dettagliatamente nell’articolo dedicato ai fondi “absolute return”, questa nuova categoria di fondi si sta imponendo nella selezione di molti risparmiatori a caccia di conservazione del capitale ma anche crescita costante nel tempo. Non crediamo (come spiegato nell’inchiesta dedicata con l’intervista a Stefano Gaspari, amministratore delegato di Mondo Hedge) che questo tipo di fondi sia la panacea per l’investitore e che basti sottoscrivere e mantenere questo tipo di fondi per risolvere il “problema” della gestione del patrimonio.

Ma riteniamo che in mezzo a questi fondi (che operano con strategie diverse e con gestori più o meno d’esperienza su questo terreno) ci possano certo essere dei prodotti interessanti (alcuni dei gestori migliori al mondo negli hedge fund come risultati passati hanno lanciato o si apprestano a lanciare fondi di questo tipo, accessibili quindi a tutti) che meritano attenzione e “cittadinanza” all’interno della propria diversificazione di portafoglio se questo tipo di fondi viene scelta e gestita in maniera attiva come consigliamo, per esempio, con le nostre strategie.

Un fondo dove il gestore ha carta bianca è infatti quello dove si dovrebbe vedere la sua bravura (o meno). Non gli viene, infatti, richiesto di replicare l’andamento di un mercato o fare qualcosa di più ma il mandato è molto più ampio, potendo cambiare quasi completamente la composizione del fondo, disinvestendo anche completamente la parte azionaria o addirittura, nel caso dei fondi Ucits III, anche di operare al ribasso se lo ritiene opportuno.

Nei confronti di questa “nuova” categoria di fondi la nostra strategia non muta di una virgola rispetto a quella attuata in questi anni. Non un portafoglio statico…

Per continuare a leggere devi effettuare il login, se non hai ancora un login, Registrati gratuitamente per visualizzare tutti i contenuti del nostro Investor Club e avere accesso integrale a tutte le risorse inFormative e ai vari report.

SoldiExpert SCF è una società di consulenza finanziaria indipendente al servizio di risparmiatori e investitori che ricercano soluzioni d'investimento trasparenti, innovative e flessibili.

REGISTRATI GRATUITAMENTE

Registrati gratis per poter visualizzare tutti i contenuti

*Campi obbligatori

Articolo a cura di

Roberta Rossi Gaziano

Responsabile Consulenza Personalizzata

Da oltre 15 anni si occupa di consulenza finanziaria. Da sempre preferisce parlare di soldi investiti che di soldi in vestiti